Cannabis light in piazza: la provocazione delle Sardine.

Manifestazione delle Sardine per la cannabis

Ancora una volta, le Sardine scendono in campo a favore della legalizzazione della marijuana in Italia. L’hanno fatto con seimila piantine: ecco i dettagli.

Prima a maggio e poi di nuovo a giugno, il movimento delle Sardine è sceso in campo con ben seimila piantine di canapa legale, in collaborazione con l’iniziativa Meglio Legale.

L’obiettivo? 

Riaprire il dibattito riguardo alla legalizzazione della marijuana in Italia.

Scopriamo nel dettaglio com’è andata.

Tre tappe importanti per far riflettere sulla legalizzazione della cannabis in Italia.

Bologna, Firenze e Roma: ecco le principali città che hanno ospitato gli eventi organizzati dalle Sardine in collaborazione con la rete di “Meglio Legale”.

Questa particolare campagna, che prevedeva l’esposizione di ben seimila piantine di canapa sativa legale con un contenuto di THC inferiore ai limiti di legge (l. 242 del 2016), è stata organizzata con lo scopo di smuovere le coscienze e creare una sorta di ponte tra i cittadini e le istituzioni, per discutere ancora una volta del tema della legalizzazione della cannabis in Italia.

piantina di canapa legale per la manifestazione delle Sardine

La prima tappa si è svolta a Roma (ai giardini di Piazza Vittorio Emanuele II), la seconda a Firenze (dove ha sede l’unico stabilimento militare chimico farmaceutico deputato alla produzione di cannabis medica), e la terza a Bologna (ai Giardini Margherita).

A ognuno di questi appuntamenti — che si sono svolti precisamente l’11, 12 e 13 Giugno — hanno partecipato tante personalità influenti che da tempo sostengono la necessità di affrontare questo tema.

Molte delle seimila piante di cannabis light che sono state esposte durante le tre date sono state acquistate dai cittadini grazie alla piattaforma di crowdfunding Idea Ginger, già prima delle date delle manifestazioni. 

Le somme ricavate sono state utilizzate per recuperare le spese dell’iniziativa e in parte per sostenere imprenditori, consumatori e pazienti che si trovano ad affrontare processi a causa della coltura o del consumo delle piante di cannabis.

Leggi anche: Amazon & cannabis: la svolta pro legalizzazione del colosso del web

I temi della campagna di legalizzazione della cannabis

Storie di imprenditori, racconti di malati che non riescono a reperire la cannabis ad uso terapeutico per sentire meno dolore (nonostante in Italia da ben 14 anni esista una legge che la rende lecita a questo scopo) e tante provocazioni.

Questi sono solo alcuni dei temi che sono stati trattati durante i tre eventi organizzati da Mattia Sartori.

L’obiettivo delle manifestazioni nelle tre città italiane era riaprire un dibattito molto importante: far conoscere a più persone le vere potenzialità della cannabis legale e riflettere su un tema che, se affrontato da un altro punto di vista, potrebbe aprire tantissime possibilità all’Italia sia dal punto di vista economico che terapeutico.

Antonella Soldo ha sottolineato il fatto che quest’anno la canapa è stata eliminata dall’ONU dalla lista delle sostanze stupefacenti più pericolose e ha ribadito che tantissime varietà di canapa sembrano avere diverse proprietà terapeutiche che devono essere approfondite da studi e test.

Mattia Sartori ha parlato in termini provocatori, sostenendo che in Italia tante persone preferiscono tacere e puntare sul proibizionismo piuttosto che creare consapevolezza, e ha introdotto alcune delle tante possibilità che prospetterebbe la legalizzazione della canapa.

Naturalmente, questa è solo una sintesi degli eventi e di tutti i punti focali che sono stati trattati dalle numerose personalità influenti che vi hanno partecipato.

Ma a cosa porterà tutto questo?

legalizzazione della cannabis in Italia sì o no

Cannabis e legalizzazione in Italia: arriverà quel giorno?

Attualmente in Italia, nonostante i recenti dibattiti sulla questione e le manifestazioni di cui ti abbiamo appena parlato, non c’è stato nessun cambiamento particolarmente significativo. 

Di certo mettere in luce un argomento che solitamente viene trascurato non può che accelerare qualcosa di positivo per i sostenitori della legalizzazione della canapa, ma in Italia anche gli oppositori si fanno sentire.

C’è da dire, però, che ormai la visione di questo tema sta cambiando in tutto il mondo: forse il nostro paese se ne renderà conto troppo tardi, o forse le frequenti manifestazioni, le continue prese di posizione e i nuovi risultati dei test sulla canapa smuoveranno la situazione prima di quanto pensiamo.

Per il momento non resta che attendere e sperare in un risvolto positivo della faccenda.

Leggi anche: Top 5: la classifica dell’erba migliore secondo i clienti Justbob!

Dopo questo approfondimento, se ami collezionare erba legale e i suoi derivati (come l’olio di CBD e l’hashish legale), ti invitiamo a dare un’occhiata al nostro cannabis light shop.

Sfoglia il nostro vasto catalogo di proposte e scegli i prodotti che fanno al caso tuo: ti aspettiamo su Justbob.!