Strisce di THC: cosa sono e come funzionano

strisce di THC | Justbob

Tutto quello che c’è da sapere sulle strisce di THC

Cosa sono le strisce di THC e come funzionano?

Se hai deciso di aprire questo articolo, significa che la cosa ha incuriosito anche te, ma che hai ancora le idee confuse a riguardo.

Ecco perché in questo articolo abbiamo raccolto le informazioni principali che ogni persona interessata dovrebbe leggere.

strisce di THC | Justbob

Cosa sono le strisce di THC e a cosa servono?

Le strisce di THC sono piccoli quadrati di ‘carta’ commestibile che si sciolgono a contatto con l’acqua o, nel caso in cui venissero assunte nei Paesi in cui è consentito, con la saliva.

Ma a cosa servono?

Le strisce di THC sono utilizzate per assumere una dose di questo cannabinoide (o anche del cannabidiolo) in modo discreto rispetto ad altri metodi di assunzione.

Infatti, queste strisce sono solo uno di una lunga serie di metodi di dosaggio della cannabis che includono il fumo, il dabbing, gli edibles, le tinture, le cere, gli oli, gli shatters e praticamente tutto ciò che si può pensare.

Inoltre, questo prodotto trova spazio anche in ambito medico.

In che modo?

Semplice: i medici spesso prescrivono farmaci sublinguali per garantire che vengano assorbiti correttamente e abbiano un effetto rapido.

E, in effetti, la somministrazione sublinguale è un’innovazione fondamentale anche nel mondo della marijuana.

Ma come funziona e perhé è così efficace?

Il THC, che è una molecola che si lega ai grassi (lipofila), passa facilmente attraverso lo strato di tessuto connettivo e nei letti capillari sottostanti della cavità orale.

Questo permette alla sostanza chimica di entrare in circolazione più rapidamente rispetto agli edibles o ai farmaci a base di cannabis.

Infatti, la molecola finisce per attraversare il confine emato-encefalico, si lega ai recettori CB1 e aumenta i livelli di dopamina.

Ma vediamo di approfondire nella prossima sezione.

Leggi anche: Semi di canapa decorticati: sono davvero benefici?

Strisce di THC contro altri tipi di edibili

Le strisce di THC si consumano attraverso la bocca come gli altri edibles, ma la somiglianza finisce qui.

Mi spiego meglio.

Quando si ingerisce un prodotto alimentare a base di cannabis (come i brownies, per esempio), i succhi gastrici devono scomporre il tutto prima che i cannabinoidi possano essere assorbiti attraverso il rivestimento dello stomaco o dell’intestino. Una volta assorbiti, passano attraverso il fegato prima di entrare nel flusso sanguigno ed essere trasportati al cervello.

Come avrai intuito, tutto questo richiede tempo.

Questo lungo viaggio attraverso l’apparato digerente e il filtro del fegato serve a rimuovere parte della potenza del THC ingerito. Tale concetto è noto come biodisponibilità.

In sostanza, gli edibili forniscono una minore biodisponibilità a causa delle proprietà distruttive dello stomaco e del fegato. Le strisce di THC, invece, offrono una maggiore biodisponibilità perché i cannabinoidi vengono assorbiti direttamente in un’arteria (sublinguale) che si trova a un passo dal cervello (dove il THC fa effetto). Dall’arteria sublinguale, il THC non filtrato passa alla carotide esterna, alla carotide interna e quindi al cervello.

Capisci bene che il viaggio da sotto la lingua al cervello è piuttosto breve, perché l’assorbimento sublinguale del THC fa ‘saltare’ il passaggio supplementare attraverso lo stomaco e il fegato prima di raggiungere il flusso sanguigno.

strisce di THC | Justbob

Quali sono i benefici delle strisce sublinguali di THC?

Molti consumatori di marijuana possono trarre vantaggio dai numerosi benefici delle strisce sublinguali di THC, sempre nei Paesi in cui la loro vendita è consentita dalla legge.

Di seguito ne elenchiamo alcuni a puro scopo informativo.

Le strisce di THC sono facili da usare: infatti, non è necessario macinare la marijuana, caricare il bong o preparare una torta, ma è sufficiente rimuovere la confezione e posizionare la striscia sotto la lingua.

Un altro vantaggio a detta dei consumatori riguarda gli effetti delle strisce, ritenuti simili a quelli del fumo e del vaping, con la differenza che i risultati sono più immediati.

Per finire, le strisce di THC hanno dosi precise: contengono quantità esattamente misurate di THC, anche se in alcuni casi è possibile regolare la quantità assunta per raggiungere il punto ottimale.

Leggi anche: Marijuana in fiore: tutto sulla fase di fioritura

Conclusioni

In questo articolo abbiamo cercato di fornire una panoramica sulle strisce di THC e sul loro funzionamento. Assunto per via linguale, il THC avrebbe un effetto più immediato rispetto a quello che si otterrebbe assumendo edibles come brownies o biscotti.

Tuttavia, è bene sottolineare che in Italia vi sono precise regole sull’acquisto di questi prodotti. Ragion per cui il nostro consiglio è di rivolgersi solo a punti vendita certificati come Justbob, l’italianissimo portale che offre marijuana legale e CBD della migliore qualità.

Ti aspettiamo su Justbob, a presto!