Olio di canapa: come assumerlo nel modo giusto

olio di canapa come assumerlo

Come si consuma l’olio di canapa? Ecco i nostri consigli per un utilizzo ideale

Dai semi delle piante di cannabis e cannabis legale viene estratto un olio straordinario che oggi viene utilizzato come un vero e proprio integratore alimentare: si tratta dell’olio di canapa.

Ricco di elementi preziosi per l’organismo e molto gustoso, l’olio di canapa può essere utilizzato da solo o per accompagnare diversi cibi, ma è importante sapere in quali dosi e come.

Se ti piacerebbe chiarirti le idee su questo particolare prodotto che sta facendo tanto parlare di sé, continua a leggere, perché nei prossimi paragrafi parleremo proprio dell’olio di canapa e di come assumerlo.

Ecco i chiarimenti e i nostri suggerimenti.

utilizzo dell'olio di canapa in cucina

Perché assumere olio di canapa? Ecco i benefici legati al prodotto

Se ti stai chiedendo perché dovresti integrare l’olio di canapa tra gli alimenti della tua dieta quotidiana, la risposta è che si tratta di un prodotto davvero completo, che è in grado di apportare numerosi benefici all’organismo umano.

L’olio di canapa è ricco di omega 3, omega 6 e omega 9, ma anche di vitamina E e sali minerali come il selenio e lo zinco. Questi e altri elementi contribuiscono al mantenimento del benessere generale del corpo ma, in particolare, influiscono su:

  • l’equilibrio ormonale;
  • il livello ottimale del colesterolo;
  • la funzionalità del sistema immunitario;
  • la salute del sistema nervoso;
  • la funzionalità dell’apparato circolatorio.

Un altro motivo per consumare questo prodotto è che si tratta di un alimento squisito.

Ti stai chiedendo che sapore ha l’olio di canapa?

Il suo gusto è delicato e particolare e ricorda vagamente la nocciola: una vera prelibatezza!

Scopriamo, dunque, come utilizzarlo al meglio.

Leggi anche: Olio di hashish: cos’è e a cosa serve

Come assumere l’olio di canapa? Ecco le dritte

Come abbiamo già chiarito sopra, il gusto dell’olio che viene estratto dai semi di canapa legale è molto gradevole, per questo c’è chi preferisce assumerlo da solo, come integratore, e chi, invece, ama sfruttarlo per condire alcuni piatti.

Vuoi qualche esempio?

L’olio di canapa è ottimo per condire le insalate, si può sfruttare per realizzare dei patè sfiziosi o dei condimenti per la pasta, oppure per dare un gusto più particolare agli antipasti.

Se hai intenzione di utilizzare l’olio di canapa, però, dovresti sapere che si può consumare esclusivamente crudo o a basse temperature, ma non per friggere, in quanto ha un punto di fumo molto basso.

Dopo questa precisazione, non ti resta che sperimentare delle nuove ricette con questo ingrediente!

Ora è probabile che tu ti stia domandando quanti cucchiai di olio di canapa è meglio consumare al giorno.

Come con tutti gli altri alimenti, anche con l’olio di canapa è meglio non eccedere con le dosi. Orientativamente, una dose giornaliera accettabile potrebbe essere pari a 4-5 cucchiaini (la quantità ideale per far diminuire i livelli di colesterolo LDL nel sangue).

Naturalmente, quello di cui abbiamo parlato finora è l’olio di canapa privo di cannabinoidi e sostanze psicotrope, che può essere tranquillamente acquistato nei market più forniti.

Tuttavia, esiste anche una versione di olio di cannabis arricchita con il cannabidiolo e che dev’essere consumata in tutt’altro modo.

Te ne parliamo nel prossimo paragrafo.

olio di canapa al CBD

Olio di canapa al CBD: come assumerlo?

L’olio di canapa al CBD è un prodotto al quale è stata aggiunta una percentuale variabile di CBD puro, un cannabinoide non psicotropo estratto dalla cannabis. La presenza di questa sostanza nel prodotto, cambia totalmente le modalità di utilizzo.

Dimentica sia l’uso in cucina che la dose dei 4 cucchiaini di cui abbiamo parlato prima, perché in questo caso si ragiona in gocce.

A seconda della percentuale di CBD contenuta nell’olio, cambierà anche il quantitativo di prodotto da assumere.

Le prime volte si consiglia di iniziare con il consumo di circa 4 o 5 gocce di olio con il più basso quantitativo di CBD. Successivamente, dopo aver constatato come reagisce l’organismo, si può aumentare il dosaggio, oppure si può acquistare un prodotto con una maggiore percentuale di CBD.

Per quanto riguarda le modalità di assunzione, di solito l’olio di CBD viene erogato direttamente sotto la lingua, oppure viene ingerito assieme a un cucchiaino di miele o delle bevande. In alternativa, c’è chi preferisce vaporizzarlo.

Se però, del CBD non ne sai proprio nulla, probabilmente vorrai anche sapere per quale motivo c’è chi consuma l’olio che contiene questa sostanza.

Il CBD viene utilizzato per i più svariati motivi ma, in particolare, per combattere l’insonnia, come ansiolitico, ma anche come antinfiammatorio, antibatterico e come rimedio contro i dolori di malattie debilitanti come la sclerosi multipla.

Leggi anche: Hashish legale in Italia: 3 dritte per evitare fregature

Per concludere

Come abbiamo visto, l’olio di canapa si può assumere sia da solo che con tanti altri alimenti e si tratta di un vero e proprio integratore.

L’olio di canapa al CBD, invece, dev’essere assunto in piccolissime quantità.

Prima di consumare un prodotto o l’altro, però, tieni conto che l’olio di canapa senza cannabinoidi è considerato a tutti gli effetti un alimento, l’olio al CBD, invece, in tanti Paesi del mondo è considerato illegale, quindi se hai intenzione di acquistarlo o utilizzarlo consulta le leggi della località in cui ti trovi.

Detto ciò, se sei un appassionato di cannabis e cannabis light e ami collezionare i suoi derivati, fai visita al nostro store Justbob.it.

Nel nostro cannabis light shop potrai scegliere tra tantissimi prodotti di qualità: non ti resta che ordinare quelli che preferisci.

Ti aspettiamo!