THC nelle urine: ecco come funziona.

THC nelle urine fumatore cronico

Vuoi scoprire come viene rilevato il THC nelle urine? Ecco i dettagli sul test.

Tra i tanti test utilizzati per scoprire se una persona utilizza sostanze stupefacenti, uno dei più conosciuti è il test delle urine.

Richiesto in ambito lavorativo, sportivo o per motivi legali, a tante persone non è ben chiaro però se questo esame possa rilevare anche le dosi bassissime di THC contenute nella cannabis light.

Chi utilizza marijuana legale potrebbe risultare positivo al test delle urine?

In questo articolo vogliamo dare una risposta a tutti i principali quesiti che riguardano la rilevazione del THC nelle urine.

Ecco come funziona!

THC: ecco che cos’è e come si lega al nostro organismo.

Chi utilizza cannabis o cannabis legale, davanti all’improvvisa notizia di doversi sottoporre ad un test delle urine, potrebbe entrare in crisi non sapendo ciò che gli aspetta.

Per quanto tempo rimane il THC nel nostro organismo?

C’è un modo per essere certi di non avere problemi?

Utilizzare la canapa legale che contiene una percentuale bassissima di THC potrebbe far risultare positivi alle analisi delle urine?

Queste sono le domande più frequenti che sorgono spontanee quando il test delle urine diventa imminente.

Test THC nelle urine

Prima di rispondere però, è importante fare una breve introduzione riguardo al comportamento del tetraidrocannabinolo (THC) nel nostro organismo.

Il THC è una sostanza psicotropa, naturalmente prodotta dalle infiorescenze della pianta di cannabis, che se assunta in grandi quantità potrebbe alterare la normale percezione della realtà o modificare i comportamenti.

È proprio questa la causa che ha spinto la gran maggioranza di Stati europei a “demonizzare” questa sostanza. Infatti attualmente, le uniche tipologie di canapa light che possono essere coltivate e vendute sono quelle che contengono una percentuale massima di THC pari allo 0,2%.

Il tetraidrocannabinolo è una sostanza liposolubile, che oltre ad agire direttamente sul nostro sistema nervoso centrale, si immagazzina molto facilmente nel tessuto adiposo di chi lo assume. Prima di essere espulso dall’organismo, questa sostanza si distribuisce in tutto il corpo grazie alla circolazione ematica e solo dopo la filtrazione dei reni si sposta gradualmente nelle urine e nel sudore.

Dunque il processo di espulsione di questa sostanza non è immediato, ma i fattori che influiscono di più su questa tempistica molto variabile sono il metabolismo corporeo e la massa grassa di ogni individuo.

Ma ora cerchiamo di capire di più riguardo al test.

Leggi anche: Il CBD è (finalmente) legale in maniera ufficiale in Europa.

THC nelle urine: come funziona il test?

Il test delle urine è molto semplice da effettuare ed il suo obiettivo è quello di individuare la presenza dei metaboliti prodotti dal consumo di sostanze stupefacenti: nel caso della cannabis il THC-COOH.

Naturalmente il THC nelle urine di un fumatore cronico diventa più facile da rilevare (specialmente se si tratta di cannabis non legale), mentre per chi assume erba legale, e magari sporadicamente, i rischi sono nettamente inferiori.

Nel concreto, questo esame consiste nel fornire un campione di urine al medico, che poi verranno analizzate in laboratorio.

La quantità di THC-COOH rilevato nelle urine però, può variare in base a diversi fattori:

  • tipologia di cannabis assunta (erba CBD o canapa ad alto contenuto di THC?);
  • quanto tempo è passato dopo l’ultima assunzione;
  • la quantità di sostanza utilizzata;
  • percentuale di massa di grassa dell’ individuo sottoposto al test;
  • metabolismo lento o veloce;
  • abitudini e stile di vita.

Come vedi le variabili possono essere tante e i risultati possono essere soggettivi: c’è chi riesce a smaltire il THC dall’organismo molto rapidamente, grazie al metabolismo veloce, alla bassa percentuale di adipe e ad uno stile di vita molto attivo e sano.

D’altra parte c’è chi invece, anche fumando sporadicamente o bevendo una tisana a base di canapa legale una volta ogni tanto, ha più difficoltà ad eliminare i suoi metaboliti dall’organismo.

In linea generale però, si può dire che le probabilità di trovare THC nel sangue e nelle urine aumentano se:

  • il consumo di canapa è molto recente al test (in particolare se è avvenuto mezz’ora prima, il livello di THC rilevato potrebbe risultare molto alto);
  • se il quantitativo utilizzato è elevato;
  • se i prodotti assunti sono illegali (quindi contenenti un’alta percentuale di sostanze psicotrope).

Facendo una media di tutti i fattori infatti, si può affermare che per chi consuma cannabis legale solo saltuariamente le tracce di THC nelle urine dovrebbero resistere per massimo 8 giorni dopo l’ultimo utilizzo; mentre per chi utilizza la cannabis frequentemente (ma non più di 4 giorni alla settimana), il THC sarà leggibile nelle urine per circa un mese.

Thc nelle urine

…ma se il test è imminente che fare?

Come hai potuto leggere sopra, ogni organismo elimina i metaboliti residui del THC in tempi diversi, perché il processo è strettamente collegato al metabolismo. Infatti c’è chi ha un metabolismo veloce e chi più lento, pertanto anche i tempi per ripulire il corpo dalle scorie della cannabis sono molto soggettivi.

Nonostante ciò, c’è chi si chiede se esistono dei trucchetti per velocizzare questo processo.

Oltre che evitare di consumare marijuana nel periodo precedente al test (erba light compresa), se sei consapevole di averne fatto uso, potresti favorire il processo di eliminazione delle scorie dal tuo organismo con alcuni accorgimenti:

  • bevi tanta acqua;
  • fai attività sportiva;
  • prediligi un’alimentazione ricca di fibre alimentari.

Naturalmente questi sono solo dei consigli che riguardano la depurazione del corpo, ma se il quantitativo di THC assunto è molto alto, non possono bastare a ripulire l’organismo in poco tempo.

Leggi anche: È ufficiale, il limite massimo di THC è stato alzato a 0,3%.

THC nelle urine: in conclusione.

Dopo aver letto questo articolo dovresti avere le idee più chiare riguardo all’azione del THC sul nostro organismo e sul motivo per il quale è facilmente leggibile nelle urine.

Le variabili sono tante e non è possibile fornire dei dati precisi e certi riguardo a tempistiche di rilevazione e quantità di THC che è possibile trovare nelle urine.

L’unica cosa certa è che sarebbe meglio evitare di assumere canapa e hashish appena possibile!

Se però non riesci a fare a meno dell’inebriante profumo della marijuana, visita il nostro cannabis light shop on-line e scegli tra diverse varietà di canapa light e olio di CBD disponibili e utilizzali come profumatori d’ambiente!