Qual è il significato della parola ‘ganja’?

ganja significato

Ganja: una storia lunga e travagliata che va dal sanscrito a Breaking Bad

Cosa significa ‘ganja’?

Sebbene tutti la associno alla Giamaica e a Bob Marley, il termine ha una storia secolare le cui radici sono in realtà dall’altra parte del mondo.

Più precisamente, in India.

Scopriamo insieme perché.

ganja significato

Origine del termine ‘ganja’

La parola hindi ‘ganja’ è ereditata dall’antica lingua sanscrita, che si ritiene sia la lingua di origine del termine e si riferisce specificamente alle gemme del fiore.

Sempre in hindi, ‘Charas’ indica la resina e ‘Bhang’ si riferisce alle foglie e ai semi della pianta, oltre che a un tè lattiginoso preparato con la stessa. L’evoluzione della ganja è un esempio di antica saggezza che ha circondato il mondo nel corso di migliaia di anni, proprio come la pianta stessa che è stata condivisa tra i popoli e le culture come un modo per migliorare la vita.

Il termine sanscrito fece il suo debutto nel vocabolario alla fine del XIX secolo grazie ai lavoratori indiani in Giamaica.

In particolare, gli swami indiani hanno avuto un rapporto profondo con la ganja, utilizzandola nella medicina popolare indiana come afrodisiaco e antidolorifico.

Ma non è tutto.

Devi sapere che cultura della cannabis ha tropi, terminologia e riferimenti diversi in tutto il mondo: in ogni lingua e in ogni regione, ci sono da una manciata a decine di nomi diversi che la gente usa per la pianta. Ad ogni modo, ‘ganja’ è uno dei termini più noti e onnipresenti quando si incontrano altri consumatori, e indipendentemente dal luogo in cui ci si trova, la gente lo associa alla Giamaica, al reggae e alla religione rastafariana (della quale parleremo tra poco).

Ma, come abbiamo detto, sebbene siano stati i giamaicani a stabilire il significato culturale e filosofico del termine ganja nella sua forma attuale, la parola stessa proviene dall’India.

Leggi anche: Il foxtailing: cosa indicano le cime di cannabis a forma di coda di volpe?

La ganja da Oriente a Occidente

Come le altre isole caraibiche, la Giamaica fu colonizzata dalle nazioni europee a partire dal 1500.

Le popolazioni indigene che vivevano lì dal 600 d.C. circa – i Tainos – furono ridotte in schiavitù, affamate e sfruttate dai colonizzatori spagnoli e nel corso di cinquant’anni quasi l’intera popolazione fu spazzata via.

Dopo gli spagnoli arrivarono gli inglesi, i cui militari conquistarono l’isola nel 1655. I colonizzatori inglesi sfruttarono le risorse giamaicane e utilizzarono l’isola per la produzione di canna da zucchero, arricchendosi con la manodopera degli africani occidentali schiavizzati per il raccolto. Molti scapparono e vissero all’interno dell’isola, creando comunità di neri liberi, sfuggendo alla cattura e resistendo ai colonizzatori.

Queste persone divennero note come Maroons.

Dopo che la Gran Bretagna abolì l’industria del traffico di esseri umani, le persone emancipate in Giamaica non vollero più lavorare per le operazioni britanniche sulla canna da zucchero, così l’impero iniziò a cercare una nuova fonte di manodopera per le piantagioni.

Se la fine della tratta transatlantica degli schiavi ha portato allo smantellamento di gran parte dell’infrastruttura di traffico di esseri umani che era stata abbracciata dall’impero britannico per tanto tempo, non ha impedito ai trafficanti di esseri umani di uscire dall’impero o di modificare leggermente le loro pratiche.

Esatto, hai letto bene.

Nel 1845, la Gran Bretagna iniziò a trafficare servitù debitoria dall’India per lavorare nelle piantagioni di canna da zucchero. Tieni presente che tra il 1845 e il 1917, la Gran Bretagna portò quasi 40.000 persone dall’India alle piantagioni giamaicane!

La lotta contro lo sfruttamento coloniale continuò sotto una nuova serie di definizioni, ma con questi lavoratori arrivarono anche la cannabis e la conoscenza delle sue numerose preparazioni, tra cui la ganja.

E il dono che i parlanti hindi portarono sull’isola avrebbe cambiato la Giamaica per sempre.

Ganja e rastafarianesimo

L’intreccio di culture indiane e giamaicane che seguì portò la parola ‘ganja’ in Giamaica.

All’inizio del XX secolo, fumare ganja era diventata una pratica comune tra i giovani giamaicani neri che lavoravano nei campi. Il messaggio di potere nero e panafricano del rastafarianesimo trovò terreno fertile tra questa popolazione diseredata.

Quando molti di questi lavoratori furono sfollati e si trasferirono in aree urbane povere, il messaggio dell’uso spirituale di ganja, del panafricanismo e della liberazione nera si rafforzò.

L’élite giamaicana si sentì minacciata da questo movimento e nel 1948 la ganja fu resa illegale. Così, a metà del XX secolo, la ganja era diventata parte integrante di quel movimento anti-establishment che è il rastafarianesimo.

ganja significato

Che significato ha oggi la ganja? Riferimenti moderni

Attraverso la musica reggae, figure culturali come Bob Marley hanno reso popolare il rastafarianesimo e la ganja, e il riconoscimento di entrambi è aumentato rapidamente nella cultura occidentale.

Ancora oggi, associamo la parola ganja alla cultura giamaicana.

Anche se prestiamo poca attenzione all’origine della parola, il termine ganja compare quasi ovunque nella cannabis occidentale, dai negozi specializzati alle banche di semi, dalla musica ai film.

E come abbiamo visto, in effetti l’onnipresente parola ha una storia molto ricca.

Con l’aumentare della sua notorietà, il termine ha fatto diverse apparizioni nell’arte e nella cultura al di fuori dell’ambito musicale. Uno dei primi utilizzi di ‘ganja’ nel cinema è il film britannico Babylon del 1980, una storia di giovani neri a Londra durante l’ascesa internazionale del Reggae. Questo film ha rappresentato il passo finale verso la diffusione della ganja.

Sa allora la popolarità del termine è salita alle stelle, con riferimenti in innumerevoli film, tra cui:

  • Lock & Stock – Pazzi Scatenati;
  • 8 Mile;
  • I figli degli uomini;
  • Facciamola finita;
  • Bad Boys;
  • Adventureland;
  • e molti altri ancora.

Il termine è stato utilizzato anche in molte serie televisive, tra cui negli anni ’90 I racconti della cripta e I Soprano, oltre che in Scrubs – Medici ai primi ferri e Breaking Bad.

Leggi anche: Cos’è la FIM technique e in cosa consiste il fimming della cannabis

Conclusioni

Questo articolo aveva il proposito di offrire una panoramica generale sulla storia del termine ‘ganja’.

Oggi il suo uso è mescolato con una miriade di altri termini usati in modo intercambiabile per la cannabis, ma ‘ganja’ rimane uno dei più iconici, con una storia globale che abbraccia migliaia di anni.

Sebbene esistano molti termini gergali per l’erba, che sono stati accolti con amore dai consumatori di tutto il mondo, solo ‘ganja’ ha un’eredità così lunga da ispirare le persone a dare priorità all’unità e alla speranza di fronte all’oppressione.