Hashish: effetti a lungo termine sull’umore e sul sistema nervoso

hashish ed effetti

Quali sono gli effetti generati dall’assunzione dell’hashish? Ecco quelli a breve e lungo termine e la differenza con quelli generati dall’hashish CBD

Nonostante in Italia consumare hashish sia illegale, nel resto del mondo sono tante le persone che fanno uso della preziosa resina estratta dai tricomi della marijuana.

Oggi, in commercio, oltre al classico hashish (del quale esistono tantissime varietà) si è diffuso anche l’hashish CBD, un prodotto che contiene una percentuale bassissima di THC e alte percentuali di CBD.

Ma che effetti dà assumere hashish di un tipo rispetto all’’altro?

Sei curioso di saperne di più? 

Se la tua risposta è sì, continua a leggere, perché di seguito approfondiremo il discorso sull’hashish e i suoi effetti, sotto vari punti di vista. 

Ecco di quali si tratta.

effetti dell'hashish euforia e sballo

Effetti dell’hashish sul sistema nervoso: ecco perché sono più accentuati di quelli dell’erba

L’hashish è un prodotto che si ricava dalla cannabis e dalla cannabis light, e si tratta sostanzialmente della resina, la sostanza più preziosa che contiene cannabinoidi (come THC e CBD) e terpeni in grandi quantità.

Il fatto che nella resina i cannabinoidi siano presenti in dosi molto elevate, fa sì che l’assunzione di hashish provochi effetti molto più potenti e percettibili rispetto a quelli che si ottengono dal consumo delle cime di cannabis essiccate.

Ma in cosa consistono questi effetti?

L’hashish contiene principi attivi che agiscono sulle funzioni psicofisiche di chi li assume, ma in maniera differente a seconda del soggetto e dei quantitativi di prodotto consumati. 

Su alcune persone gli effetti sono molto lievi, su altre, invece, sono decisamente accentuati.

Diciamo che i primi effetti che è possibile sperimentare dopo l’assunzione dell’hashish consistono nell’alterazione delle percezioni spazio-temporali e dell’umore, ma anche nello stato di attenzione e di reattività fisica.

Entriamo, dunque, nel dettaglio e scopriamo quali sono gli effetti dell’hashish sia a breve che a lungo termine.

Leggi anche: Differenza tra hashish ed erba: qual è il più forte?

Hashish ed effetti a breve e lungo termine

Dopo l’assunzione di hashish (in questo caso stiamo parlando del prodotto estratto dalla marijuana ad alto contenuto di THC) ci sono degli effetti che svaniscono dopo qualche ora e altri che persistono nel tempo. 

Per produrre effetti a lungo termine, naturalmente, occorre consumare hashish per un lungo periodo di tempo: una volta nella vita non farà alcuna differenza.

Vediamo di quali si tratta.

Tra gli effetti immediatamente riconoscibili dopo il consumo di cannabis ci sono tipicamente: 

  • aumento del battito cardiaco;
  • sensazione di rilassamento (che può arrivare a diventare sonnolenza);
  • stato di euforia;
  • arrossamento degli occhi; 
  • diminuzione della salivazione; 
  • aumento dell’appetito;
  • abbassamento della pressione;
  • calo temporaneo della memoria;
  • diminuzione del dolore;
  • vertigini e instabilità motoria, ecc.

Tra gli effetti a lungo termine legati all’assunzione di hashish, invece, sono riscontrabili danni che, talvolta, possono diventare molto seri e difficili da risolvere:

  • perdite di memoria frequenti;
  • alterazioni dell’umore;
  • insonnia;
  • assuefazione;
  • astinenza.

Possiamo dunque affermare che l’hashish genera effetti ambivalenti sul sistema nervoso. In particolare, per quanto riguarda i fenomeni di assuefazione e astinenza è indispensabile porvi la massima attenzione attenzione.

Il cervello umano sembra abituarsi facilmente all’assunzione delle sostanze contenute nei panetti di ‘fumo’, al punto da arrivare a modificare irrimediabilmente il proprio funzionamento.

È pertanto fondamentale non abusare di questo prodotto, in modo da evitare sia la dipendenza psicologica sia gli effetti negativi che ne conseguono, come paranoie, attacchi di panico, stati depressivi e altri disturbi simili.

Nonostante la presenza di rischi, l’assunzione di hashish può essere controllata e, in molti casi, si è rivelata utile per alleviare gli stati dolorosi legati a determinate malattie. Ragion per cui è oggetto di studi approfonditi.

malessere causato dall'astinenza da hashish

Hashish legale: ecco perché i suoi effetti sono differenti

Tutti gli effetti legati al consumo dell’hashish di cui abbiamo parlato nei paragrafi precedenti sono legati al consumo del prodotto contenente alte percentuali di THC, ossia il cannabinoide psicotropo che in Italia è considerato illegale.

Per quanto riguarda l’hashish CBD, invece, il discorso cambia. In questo tipo di prodotto, infatti, la concentrazione di tetraidrocannabinolo non supera lo 0,2%, pertanto gli effetti di questa sostanza sono impercettibili (per non dire nulli).

Consumare hashish legale significa utilizzare un estratto della canapa light, nel quale il vero protagonista è il CBD o cannabidiolo. Pertanto gli effetti generati dalla sua assunzione sono prevalentemente:

  • rilassamento;
  • distensione:
  • diminuzione delle infiammazioni;
  • diminuzione degli stati dolorosi, eccetera.

Tra le reazioni spiacevoli che è possibile evitare assumendo l’hashish legale (anziché quello ad alto contenuto di THC), invece, ci sono l’arrossamento degli occhi, la secchezza della bocca e l’effetto ‘sballante’.

Dopo aver assunto hashish al CBD, quindi, non si noterà una distorsione della percezione della realtà e gli effetti psicotropi saranno totalmente assenti. 

Anche questo prodotto, tuttavia, può indurre un abbassamento della pressione. Perciò, dove consentito, prima di assumerlo è sempre meglio chiedere un parere medico.

Detto questo, occorre fare un’altra precisazione: assumere hashish al CBD da solo è un conto; mischiarlo, come spesso accade, con il tabacco può dare forma a reazioni differenti.

Leggi anche: Hashish fatto in casa: ecco perché non è una buona idea

Per concludere

Gli effetti dell’hashish a breve e a lungo termine sull’umore e sul sistema nervoso dipendono prevalentemente dall’assunzione di THC, la sostanza psicotropa contenuta in alte percentuali nella resina estratta dalle piante di marijuana delle genetiche classiche. 

Per certi versi, il consumo di questo prodotto può apportare dei benefici, ma anche gli effetti negativi sono molteplici.

L’hashish al CBD, invece, essendo quasi privo di tetraidrocannabinolo, genera effetti totalmente diversi che, sembrano essere sempre più apprezzati anche nel settore medico e farmacologico.

Nonostante ciò, in Italia non è consentito né consumare la cannabis né i suoi derivati, hashish compreso. 

Se sei un estimatore della pianta e dei suoi derivati, però, puoi acquistare la loro versione legale a scopo collezionistico sul nostro store online Justbob.it.

Dai un’occhiata alle nostre numerose proposte di hashish al CBD, cime di erba legale e olio di CBD e collezionali tutti. 

Ti aspettiamo sul nostro cannabis light shop

A presto!