20 Aprile 2020: arriva il Cannabis day

cannabis day 420

Tutto ciò che devi sapere sul Cannabis day 2020.


È in arrivo il Cannabis day 2020, la giornata mondiale della cannabis, che si celebra il 20 aprile di ogni anno per onorare la cultura della marijuana! Se sei un appassionato di marijuana light allora vorrai probabilmente conoscere la storia di questa giornata, che viene chiamata anche con i “nomi in codice” 420 e 4:20.

4:20 ha infatti un’accezione particolare nel mondo della cannabis, tanto che la data del 20 aprile (4/20 se prendiamo in considerazione la data americana) non è stata scelta per caso.

Dunque qual è il significato di 420 o 4:20 nella cultura dell’erba e quale, invece, la storia del Cannabis day?

world cannabis day 420

Perché il Cannabis day si celebra proprio il 20 aprile?

Sembra che la nascita del termine 420 (e di conseguenza del World Cannabis Day del 20 aprile) risalga alla California dei primi anni Settanta.

In questo periodo, alle 4:20 pm, gli studenti delle scuole superiori di San Rafael si riunivano per consumare cannabis. Così un gruppo di ragazzi che si facevano chiamare “I Waldos” (perché amavano stare poggiati davanti a un muro), quando si incrociavano nei corridoi, iniziarono a scambiarsi sguardi di chi la sa lunga e borbottavano tra di loro: <<420!>>.

L’idea nacque solo come un gioco, ma alla fine 420 divenne una vera e propria parola in codice che stava a significare una moltitudine di cose legate alla marijuana. Per esempio chi sussurrava questa cifra poteva voler dire: <<Ne hai?>> ma anche <<Sembro fatto?>>.

Comunque sia, il gruppo si riuniva davanti alla statua dello scienziato francese Louis Pasteur, ma anche in altri luoghi della scuola, per fumare cannabis. Ovviamente alle 4:20 del pomeriggio.

Il termine “420” si diffuse dapprima in tutta la California e poi, nel giro di un decennio, in tutto il mondo.

High Times, la bibbia dei fumatori di marijuana, ha iniziato a usare il termine 420 già nel 1990, e più tardi ha acquistato il sito web 420.com (che parla principalmente della fluttuazione dei prezzi della cannabis ma include anche video, notizie, consigli di orticoltura, attivismo e altro ancora).

Ma quella dei Waldos non è l’unica spiegazione data al codice 4:20.

Leggi anche: Coltivare cannabis in Italia è ancora reato?

Altre ipotesi sul significato del 420 nel mondo della marijuana

Una credenza comune è che il 420 indicasse la polizia californiana o il codice penale per la marijuana, ma non ci sono prove a sostegno di tali affermazioni.

Un’altra teoria in merito al significato di questa cifra è che ci sono 420 sostanze chimiche attive nella marijuana, da cui un’apparentemente connessione tra la droga e il numero. Ma in realtà, secondo l’Associazione olandese per la Cannabis legale e i suoi componenti come medicina, ci sono oltre 500 principi attivi nella pianta e nei fiori di cannabis.

Quindi questa ipotesi è assolutamente da scartare.

Una spiegazione meno diffusa lega la cifra 420 al racconto del 1939 “In the Walls of Eryx” di H.P. Lovecraft e Kenneth Sterling. Il testo descrive “curiose piante-miraggio” molto simili alla marijuana che sembravano far sballare il narratore, secondo il suo orologio, intorno alle 4 e 20.

Poiché il racconto è del 1939, è probabilmente la prima testimonianza scritta in cui si attesta il collegamento tra la marijuana e il codice 4:20. E magari è proprio da questo racconto che i Waldos hanno preso ispirazione.

Qualunque siano le sue origini, il 20 aprile è divenuta la data un’importante festa per gli amanti della cannabis di tutto il mondo.

4:20 significato festa cannabis 20 aprile

Le iniziative per il World Cannabis Day

Gli appassionati di cannabis organizzano festeggiamenti in tutto il mondo in occasione del Cannabis Day del 20 aprile. E di solito cercano di rispettare l’orario simbolo della festa, ovvero le 4:20 del pomeriggio.

Per esempio a Milano si organizza di solito il 420 Vibes Party. Parallelamente, a Roma, si tiene il 420 Roma Fest. Gli eventi prevedono concerti, proiezioni di documentari, conferenze e tanto altro ancora.

Lo scopo è quello di promuovere la legalizzazione della cannabis, che in Italia stenta ancora ad arrivare ma che vede un barlume di speranza grazie alla marijuana light.

Leggi anche: Marijuana nera e muffa: 3 consigli per conservare correttamente le tue inflorescenze di cannabis light

Che cos’è la cannabis light?

La cannabis light, detta anche marijuana legale/ erba legale/ canapa light, è il termine che indica le infiorescenze di cannabis che presentano quantità di THC al di sotto dei limiti imposti dalla legge (meno dello 0,2%).

Il THC deve essere necessariamente così basso in quanto si tratta del principio attivo psicotropo della cannabis: al di sotto di quelle determinate percentuali non influisce sulla nostra psiche. Al contrario del THC, il CBD presente nei fiori di erba light è invece molto alto: la sua concentrazione dipende principalmente dalla varietà di marijuana ma anche dal metodo di coltivazione.

Se la cannabis è coltivata in condizioni favorevoli i fiori tendono a produrre maggiori quantità di resina, la quale contiene pressoché tutti i principi attivi della pianta.

Il CBD (cannabidiolo) contenuto in elevate quantità nella canapa legale non è psicotropo – al contrario del THC -.

Anzi: si tratta di una sostanza potenzialmente benefica per la nostra salute, tanto che le ricerche sulle sue implicazioni in campo medico sono notevolmente aumentate negli ultimi tempi.

Non ci resta che aspettare i verdetti finali degli studi e, nel frattempo, acquistare dell’eccellente marijuana legale su justbob.it!