Carenze nella Cannabis: come vengono risolte e quanto incidono nella qualità del prodotto

Carenze nella Cannabis light

Tutto ciò che devi sapere sulle carenze nutritive della cannabis.

I coltivatori di marijuana e di erba legale sanno bene che identificare le carenze nutritive della cannabis sia indispensabile per garantire la sopravvivenza delle piantine. Diagnosticare precocemente i sintomi delle malattie e delle carenze della marijuana aiuta gli agricoltori ad avere un buon raccolto e a non veder morire le loro piante.

Non solo: bisogna essere in grado non solo di individuare i segni negativi ma anche di riportare la cannabis in salute.

Sei attanagliato dai dubbi e vorresti sapere tutto a riguardo? stai leggendo l’articolo giusto: oggi vogliamo esporti le principali carenze dell’erba light e spiegarti come riconoscerle con una sola occhiata.

Quali sono i nutrienti di cui potrebbe essere carente la cannabis light?

punte foglie gialle canapa e carenze nutrizionali cannabis

Le piante di cannabis, per poter sopravvivere, devono nutrirsi delle sostanze presenti nel terreno o nell’acqua di irrigazione nelle giuste quantità. Sviluppano malattie quando le seguenti sostanze sono assenti o presenti in misura insufficiente (o addirittura eccessiva):

  • i macronutrienti, ovvero Azoto, Fosforo e Potassio (NPK),
  • magnesio,
  • calcio,
  • ferro,
  • rame,
  • boro,
  • zolfo,
  • zinco,
  • molibdeno,
  • manganese,
  • silicio.

Se le piantine di cannabis danno evidenti segni di difficoltà, l’agricoltore di solito verifica il Ph. Se il Ph è perfetto (con valori compresi tra 5,5 e 7), allora il problema potrebbero essere le quantità di luce. Al contrario, se il Ph è inferiore o superiore a questi valori, i disagi della pianta sono sicuramente legati alle sostanze nutritive.

Tendenzialmente, le carenze più frequenti sono quelle di NPK, ovvero i tre macronutrienti azoto, fosforo e potassio. In alcuni casi, invece, le carenze sono di una o più di una delle altre sostanze minori.

Leggi anche: Tutto quello che non ti hanno mai detto sui test antidroga

Quali sono le conseguenze delle carenze nutrizionali delle piante di cannabis?

Ogni carenza nutritiva dà alcuni sintomi ben specifici, ma i più comuni sono un forte rallentamento della crescita del fusto e una serie di malattie della pianta e delle sue foglie. Quando invece il problema è un eccesso di nutrienti, questo si manifesta con la morte della pianta o dei fiori, delle foglie e delle radici, che appaiono come bruciate.

Una situazione del genere incide notevolmente sulla qualità del prodotto finale. Affinché i nostri clienti ricevano i migliori bud di erba light, noi di Justbob ci assicuriamo personalmente che tutte le piantagioni siano curate al meglio e che gli agricoltori intervengano tempestivamente qualora riscontrassero delle problematiche o delle malattie nelle piante.

Vediamo ora i sintomi e i rimedi della carenza delle principali sostanze nutritive della cannabis light.

Carenza di azoto nella canapa light

Se una pianta di marijuana legale soffre di carenza di azoto, i sintomi si vedono soprattutto sulle foglie sviluppatesi per prime, ovvero quelle che si trovano alla base e nella parte centrale del fusto. Tali foglie risultano gialle nelle punte e spesso appassiscono e si seccano; spesso il loro stelo diventa rosso fino a seccarsi completamente e portare alla caduta delle foglioline.

Pian piano, i sintomi dell’apporto insufficiente di questa sostanza si diffondono anche sulle foglie più giovani, arrivando fino alla cima della pianta di cannabis.

Di solito questa carenza sussiste durante la fase di fioritura, dunque è fondamentale intervenire in fretta affinché i fiori vengano preservati e il raccolto non venga rovinato dal basso apporto di azoto.

Cosa fare in questo caso? Apportare immediatamente maggiori quantità di azoto con l’aggiunta nell’acqua di irrigazione e/o nel terreno di un fertilizzante ricco di questa sostanza. Di solito i coltivatori utilizzano la farina di sangue, il guano di pipistrello e il vermicompost, che ora probabilmente ti faranno inorridire ma sono dei veri toccasana per delle piante con carenza di azoto.

Sintomi e soluzioni alla carenza di fosforo nella canapa

macchie sulle foglie di canapa e carenze nutritive

Quando una pianta di canapa light non assorbe abbastanza fosforo, ne risentono la sua crescita e la sua vitalità. La pianta, dunque, cresce in maniera molto lenta e appare fragile e spenta. Se la canapa ha le foglie arricciate verso il basso e perde il colore verde acceso dai bordi delle foglie (che talvolta diventano marron), probabilmente presenta carenza di fosforo.

Di solito la carenza di questa sostanza avviene durante l’autunno e l’inverno oppure quando il terreno risulta eccessivamente umido e alcalino.

Anche in questo caso si risolve con l’apporto di maggiori quantità di fosforo mediante l’uso di fertilizzanti appositi: quando il fosforo del concime supera il 5%, allora è perfetto per riportare le piante di cannabis in salute.

Leggi anche: Magnifica Marijuana: i principali utilizzi della canapa nel mondo industriale

Carenza di potassio nella canapa light

Quando una pianta di canapa non assorbe abbastanza potassio, i sintomi che mostra sono decisamente insoliti. All’inizio cresce rapidamente, ma le foglie inferiori iniziano a seccare a partire dalle punte, diventando di color marrone. Tutto ad un tratto, la pianta arresta la sua crescita il suo sviluppo.

Di solito le piante che presentano una carenza di questa sostanza nutritiva sono molto fragili. Inoltre possono apparire delle macchie sulle foglie di canapa, di tonalità giallognola, in particolare sulle foglie mature.

C’è un’altra conseguenza della carenza di potassio molto svantaggiosa per la resa della piantagione di marijuana: la fioritura può ritardare e i bud possono svilupparsi poco e male, portando a una resa inesistente o molto deludente.

La modalità ideale per risolvere la carenza di potassio è l’acquisto e l’utilizzo di un fertilizzante ad alto contenuto di questa sostanza, da aggiungere al terreno o all’acqua di irrigazione. I fertilizzanti più adatti a tal proposito sono seguenti:

  • cenere di legno,
  • solfato di potassio,
  • polvere di granito,
  • farina di Kelp.

In conclusione

Le carenze nutrizionali delle piante di cannabis light possono compromettere la crescita delle piantine e la loro resa. Spesso le piante con carenze nutritive muoiono o, in alternativa, si sviluppano poco e male, producendo fiori di scarsa qualità e con bassi livelli di CBD.

Non è il caso dei fiori di cannabis legale che trovi online su Justbob: selezioniamo i bud dei migliori coltivatori, esperti e pronti a risolvere i problemi delle piante di marijuana, in modo da garantire ai nostri clienti la massima qualità.

Allora cosa aspetti? Acquista subito i migliori fiori di CBD online su Just Bob: ne rimarrai estremamente soddisfatto!