Il CBD negli Stati Uniti: un’analisi approfondita della situazione attuale negli USA

Il CBD negli Stati Uniti: un'analisi approfondita della situazione attuale negli USA

Modificato il: 26/02/2024

In America ogni stato ha la sua legge sul CBD e sulla marijuana, e si basa sulla storia della legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti, dal proibizionismo fino al Farm Bill e alle ultime modifiche statali.

La legalizzazione del CBD negli Stati Uniti è un argomento in evoluzione con molte sfaccettature. Mentre la Farm Bill del 2018 è stata un passo importante verso la sua legalizzazione, le normative variano notevolmente da uno stato all’altro.

La comunità scientifica continua a studiare le potenziali applicazioni terapeutiche del CBD, ma la sua complessa situazione legale pone una sfida.

Negli ultimi anni, il fiore di CBD ha guadagnato popolarità per le sue potenziali applicazioni mediche, ma il suo status legale è stato oggetto di dibattito.

Il cannabidiolo, o meglio conosciuto come CBD, è uno dei composti estratti dalla pianta di cannabis. A differenza del tetraidrocannabinolo (THC), il CBD non ha significativi effetti psicoattivi ed è noto per i suoi potenziali benefici per la salute.

Negli Stati Uniti, la legalizzazione del CBD è stata oggetto di dibattito e ha subito significative modifiche che ne hanno segnato il percorso in tutto il territorio degli Stati Uniti d’America.

Storia del CBD negli USA: Farm Bill

La legalizzazione del Cannabidiolo negli Stati Uniti d’America ha una storia complessa. Inizialmente, il CBD era considerato una sostanza controllata a causa della sua derivazione dalla cannabis. Tuttavia, il Congresso ha adottato la Farm Bill del 2014, che ha aperto la strada alla ricerca e alla coltivazione dell’industrial hemp, stabilendo che il CBD estratto da questa pianta fosse legale a livello federale se contenente meno dello 0,3% di THC.

Nel 2018, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato quella che è conosciuta come la Farm Bill (Agricultural Improvement Act), un pacchetto di leggi aggiornato ogni cinque anni che copre una vasta gamma di programmi, dalle sovvenzioni per gli agricoltori alla protezione dei consumatori.

La Farm Bill è stata firmata ed approvata dal Presidente Trump e ha fornito importanti estensioni delle politiche agricole e alimentari, sebbene i cambiamenti più interessanti abbiano riguardato la pianta di cannabis.

Questo documento è stato un passo significativo verso la legalizzazione del CBD. I programmi pilota hanno permesso lo studio dell’industrial hemp (spesso etichettato come “industrial hemp”) approvato sia dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) che dai dipartimenti agricoli statali. Questo ha consentito l’espansione su piccola scala rispetto alla coltivazione di marijuana per scopi limitati.

La Farm Bill del 2018 è stata più ampia.

Leggi anche: Come essiccare la cannabis? Tutto quello che c’è da sapere

Storia del CBD negli USA: Farm Bill

 

Ha permesso la coltivazione della marijuana in generale, e non solo programmi pilota per studiare l’interesse del mercato per i prodotti derivati da quest’ultima.

Il Farm Bill ha esplicitamente consentito il trasferimento di prodotti della marijuana attraverso i confini statali per scopi commerciali o altri scopi. Inoltre, non ha limitato la vendita, il trasporto o il possesso di prodotti derivati dalla marijuana, a condizione che tali prodotti fossero coltivati in conformità alla legge.

Tuttavia, la nuova legge agricola non ha creato un sistema completamente libero in cui individui o aziende potessero coltivare canapa quando e dove volessero. Vi erano numerose restrizioni.

Il principale scopo di questa proposta di legge sulla canapa era quello di legalizzarla esplicitamente secondo le leggi federali degli Stati Uniti, consentendo al contempo ai 50 stati di decidere autonomamente se la canapa sarebbe stata legale o meno all’interno dei loro confini.

Da allora, quasi tutti gli stati hanno sviluppato un quadro normativo per la coltivazione, la lavorazione e la vendita di canapa e prodotti derivati dalla canapa.

Quindi, il Farm Bill del 2018 ha reso legale a livello federale il CBD derivato dalla canapa (come l’hashish di CBD o altri). Tuttavia, la regolamentazione è stata delegata agli stati e molti di essi hanno sviluppato leggi e regolamenti specifici…

Ma qual è la situazione attuale della marijuana e del CBD oggi?

Oggi, il sostegno alla legalizzazione della marijuana è diventato mainstream tra i politici democratici, e alcuni repubblicani appoggiano anche l’idea.

Le legislazioni statali stanno cercando di capire se e come legalizzare la droga, mentre diverse proposte di legge relative alla marijuana – comprese quelle volte a decriminalizzarla a livello federale – sono state presentate al Congresso.

La Camera ha approvato una proposta di legge sulla decriminalizzazione della marijuana il 1 aprile 2022 e alcuni mesi dopo, diversi senatori – tra cui il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer – hanno presentato il Cannabis Administration and Opportunity Act, che decriminalizzerebbe la cannabis a livello federale, come riportato da Marijuana Moment.

Il futuro della proposta di legge al Senato è incerto.

Di sicuro però la tendenza a ridurre le pene per l’uso di marijuana ha preso una nuova direzione a partire dal 7 ottobre 2022, quando il presidente Joe Biden ha annunciato che concederà la grazia a tutti coloro che sono stati condannati per il reato federale di semplice possesso di marijuana, chiedendo ai governatori di compiere mosse simili per le condanne secondo le leggi statali.

La proclamazione si applicherà a circa 6.500 americani, ma un alto funzionario della Casa Bianca ha chiarito ai giornalisti che attualmente nessuno è detenuto per il semplice possesso di marijuana.

Gli oppositori sostengono che la marijuana rappresenta un rischio per la salute e la sicurezza pubblica, e alcuni sono contrari per motivi morali alla legalizzazione.

I sostenitori, tuttavia, sostengono che non è così pericolosa come l’alcol e indicano prove che ha benefici terapeutici, come il sollievo dallo stress e dal dolore.

Uno studio pubblicato nel dicembre 2022 dalla American Medical Association ha rilevato che la completa legalizzazione riduce gli arresti legati alla marijuana anche negli stati che avevano già decriminalizzato la cannabis, il che significa che la droga è ancora illegale, ma una persona non verrebbe perseguita per il possesso di una quantità specifica.

Leggi anche: Esplorando l’H4CBD: benefici, considerazioni e consigli

Gli stati: legalizzazione e restrizioni stato per stato

Le normative sul CBD negli Stati Uniti variano da stato a stato. Alcuni stati hanno accolto totalmente la canapa light e l’hanno resa ampiamente disponibile sotto forma di olio, capsule, creme e altro. Tuttavia, altri stati hanno restrizioni più severe o divieti.

La Food and Drug Administration (FDA) è incaricata di regolare i prodotti a base di CBD, ma finora ha adottato un approccio cauto e ha dichiarato che il CBD non può essere aggiunto a cibi e bevande. La FDA ha manifestato preoccupazioni sulla sicurezza e sulla mancanza di dati sufficienti per determinare dosi efficaci e potenziali rischi.

Se stai cercando il CBD prodotto dalle piante di canapa, ci sono molti stati in cui è possibile acquistare e utilizzare il prodotto. Vediamo dove effettivamente il CBD è legale negli Stati Uniti, insieme a eventuali restrizioni sui prodotti a base di CBD.

Attualmente, 47 degli 50 stati degli Stati Uniti, oltre al Distretto di Columbia, hanno legalizzato la vendita e l’uso di prodotti a base di CBD derivati dalla canapa. Tuttavia, alcuni stati hanno restrizioni su quali prodotti a base di CBD possono essere venduti.

La marijuana è ancora illegale a livello federale e secondo le leggi di molti stati; di conseguenza, il suo trattamento può comportare gravi conseguenze.

Molti imprenditori interessati a entrare nell’industria della canapa sono coinvolti a produrre prodotti basati su fiori di canapa fumabili o prodotti a base di estratti di CBD, come alimenti o cosmetici contenenti CBD isolato o estratto di canapa. Purtroppo, mentre molte leggi statali sulla canapa sono simili, ciascuno dei 50 stati tratta questi tipi di prodotti in modi diversi.

L’obiettivo di questo articolo è fornire una panoramica dei 50 stati e del Distretto di Columbia e di come trattano anche il CBD e i suoi derivati.

Dopo il Farm Bill del 2018, la maggior parte degli stati ha modificato le proprie leggi sulle Sostanze Controllate (CSA) per esentare la canapa da qualsiasi programma, esentando così anche il CBD derivato dalla canapa. Negli stati con tale “esenzione dalla CSA”, il CBD e i suoi derivati, come l’olio di CBD, sono legali da possedere e lavorare come derivati dalla canapa.

Stati in cui è stata approvata la marijuana ricreativa legale:

 

  • Colorado
  • Washington
  • Alaska
  • Oregon
  • Washington, D.C.
  • California
  • Maine
  • Massachusetts
  • Nevada
  • Michigan
  • Vermont
  • Guam
  • Illinois
  • Arizona
  • Montana
  • New Jersey
  • New York
  • Virginia
  • New Mexico
  • Connecticut
  • Rhode Island
  • Maryland
  • Missouri
  • Delaware
  • Minnesota

Legalizzazione del CBD per stato

Legalizzazione del CBD per stato:

  • Alabama – Olio di CBD che supera lo 0,3% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Arkansas – Olio di CBD derivato dalla cannabis che supera lo 0,3% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Delaware – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale sia per adulti che per minori sotto i 18 anni con licenza per uso di cannabis medica
  • Florida – Solo i prodotti a base di CBD derivati dall’hemp con un contenuto di THC inferiore allo 0,3% sono considerati legali
  • Georgia – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni; deve contenere quantità uguali di THC e CBD, e il contenuto di THC non può superare il 5%.
  • Hawaii – Olio di CBD derivato dall’hemp considerato legale; olio di CBD derivato dalla cannabis regolamentato per l’uso esclusivamente da parte dei residenti con licenza per uso di cannabis medica
  • Idaho – Tutte le varietà sono legali fintanto che non contengano THC rilevabile
  • Indiana – Tutte le varietà sono legali fintanto che non superino lo 0,3% di THC
  • Iowa – Olio di CBD derivato dalla cannabis che supera lo 0,3% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica; l’elenco delle condizioni accettate è piuttosto restrittivo
  • Kansas – Tutte le varietà sono legali fintanto che non contengano THC rilevabile; l’olio di CBD medico è legale con licenza per specifiche condizioni, a condizione che il contenuto di THC non superi il 5%
  • Kentucky – Solo olio di CBD derivato dall’hemp
  • Louisiana – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica, e qualsiasi prodotto contenente più di 0,5 milligrammi di THC deve essere dichiarato per “uso adulto” sull’etichetta
  • Maryland – Olio di CBD derivato dalla cannabis e dall’hemp ora legali, ma i venditori potrebbero richiedere che i consumatori abbiano almeno 21 anni per l’acquisto
  • Minnesota – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni; consente la vendita di prodotti commestibili contenenti CBD purché siano etichettati accuratamente e contengano meno dello 0,3% di THC
  • Mississippi – Olio CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica; numero limitato di condizioni accettate; deve essere ottenuto dall’Università del Mississippi; non può superare lo 0,5% di THC
  • Missouri – Olio di CBD che supera lo 0,3% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica (nessuna condizione di qualifica)
  • Nebraska – Solo olio di CBD derivato dall’hemp; la cannabis è illegale anche a scopo medico
  • New Hampshire – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • New Mexico – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • North Carolina – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica; tuttavia, il programma è limitato a una piccola parte della popolazione di partecipanti allo studio e ai pazienti affetti da condizioni specifiche
  • North Dakota – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Ohio – Il CBD deve essere derivato dall’hemp e non deve superare lo 0,3% di THC; olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Oklahoma – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica (nessuna condizione di qualifica)
  • Pennsylvania – Olio di CBD che supera lo 0,3% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Rhode Island – Olio di CBD che supera lo 0,3% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • South Carolina – Olio di CBD che supera lo 0,9% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica; elenco molto restrittivo di condizioni di qualifica
  • South Dakota – Legale vendere, comprare e trasportare olio di CBD derivato dall’hemp e altri prodotti a base di CBD derivati dall’hemp contenenti meno dello 0,3% di THC, ma l’olio di CBD derivato dalla cannabis resta illegale
  • Texas – Olio di CBD a basso contenuto di THC (fino all’1%) disponibile per pazienti con condizioni di qualifica
  • Tennessee – Leggi più restrittive entreranno in vigore nel 2024 che rendono illegale vendere CBD a chiunque abbia meno di 21 anni; olio di CBD che supera lo 0,9% di THC legale con licenza per uso di cannabis medica, ma elenco molto restrittivo di condizioni di qualifica
  • Utah – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • West Virginia – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Wisconsin – Olio di CBD derivato dalla cannabis legale con licenza per uso di cannabis medica per specifiche condizioni
  • Wyoming – Legale fintanto che non contiene più dello 0,3% di THC

Conclusione

Una crescente maggioranza degli americani crede che la marijuana ricreativa dovrebbe essere legale. Un sondaggio CBS News/YouGov pubblicato nell’aprile 2022 ha rilevato che due terzi degli americani desiderano che l’uso ricreativo della marijuana sia legalizzato a livello federale e nel loro stato. Un precedente sondaggio del Pew Research Center ha riscontrato livelli simili di supporto alla legalizzazione della marijuana.

Gli americani si sono riscaldati notevolmente all’idea negli ultimi anni. Solo il 12% degli adulti americani sosteneva la legalizzazione nel 1969, secondo un sondaggio Gallup del novembre 2021 – una cifra che è salita al 31% nel 2000 prima di accelerare sopra il 50% dopo il 2013 e raggiungere un massimo storico del 68% più di recente.

I democratici sono più inclini a sostenere la legalizzazione, sebbene la maggioranza dei repubblicani sia ora favorevole, secondo quanto ha scoperto Gallup. Le persone sotto i 30 anni sono simili a favore della legalizzazione della marijuana – l’81% di quei rispondenti nel 2019 – ma il 62% degli americani tra i 50 e i 64 anni ha sostenuto la legalizzazione, secondo una precedente versione del sondaggio Gallup.

Il tema della piena legalizzazione della marijuana e della legalizzazione del CBD, che secondo gli studi scientifici non ha effetti psicofisici, resta un argomento controverso. Sembra quasi che in America la regolamentazione della cannabis CBD sia in costante evoluzione, anche e soprattutto per il dibattito politico degli ultimi anni.

Ciò che è certo è che quest’anno il Farm Bill sarà aggiornato, e forse il destino della cannabis potrebbe cambiare per sempre, ancora una volta.