In Colorado la marijuana è legale, e forse tra poco lo sarà in tutti gli Stati Uniti: ecco perché.

marijuana legale in Colorado

Stati Uniti e legalizzazione: dopo il Colorado, gli USA stanno per fare un grosso passo avanti.

La marijuana legale in Colorado è la dimostrazione che uno Stato, nonostante il lunghissimo periodo di proibizionismo negli USA, può cambiare totalmente rotta e consentire non solo la coltivazione, ma anche la vendita di fiori di marijuana.

Sono tanti i motivi che hanno portato questo Paese alla legalizzazione della marijuana: in primis la volontà di sopprimere il commercio illegale di cannabis e in secondo luogo creare un enorme perdita al mercato nero relativo alla sua vendita.

Non solo: il Colorado, con la legalizzazione, ha intravisto (giustamente) dei guadagni economici davvero ingenti grazie ai numerosi negozi online e fisici dedicati alla marijuana – e articoli correlati come bong, grinder etc. -.

Ma andiamo per grandi: in che modo la marijuana è diventata legale nello Stato del Colorado?

legalizzazione marijuana in Colorado

Marijuana legale in Colorado, fase nº1: la legalizzazione della cannabis terapeutica.

Qualche anno fa, precisamente in un periodo che va dal 2000 a circa il 2014, in Colorado si è avviata una campagna di sensibilizzazione dedicata principalmente alla marijuana medica. Il Dipartimento della Salute Pubblica ha approfonditamente esaminato i benefici della cannabis a uso terapeutico grazie agli effetti del THC e CBD sull’organismo umano.

La marijuana ha infatti effetto antidolorifico, euforizzante, antiemetico e antinfiammatorio. È inoltre noto come possa aumentare notevolmente l’appetito. I campi di applicazione della cannabis terapeutica sono quindi numerosi (la sua legalizzazione in Italia è già avvenuta, e i medicinali a base di cannabis possono essere utilizzati per il trattamento di sclerosi multipla, dolori correlati alla chemio e radioterapia, problemi alimentari e tanto altro ancora).

Tornando a noi, nel 2000 il 54% degli elettori del Colorado approvò un importante emendamento che modificò la Costituzione dello Stato, ovvero l’emendamento 20 dedicato all’uso terapeutico di marijuana sotto il consenso medico scritto.

In base a questo emendamento, ai pazienti è consentito possedere fino a 2 once (poco più di 50 g) di fiori di marijuana a uso medico e perfino coltivare fino a 6 piante di cannabis. Nello specifico, le persone che possono utilizzare marijuana terapeutica in Colorado possiedono una (o più di una) tra le seguenti patologie:

  • Glaucoma
  • HIV o AIDS
  • Cachessia
  • Cancro
  • Sclerosi multipla (o altre malattie che portano a spasticità muscolare e nausea)
  • Epilessia (o altre patologie che presentano le convulsioni tra i loro sintomi)
  • Patologie da dolore cronico
  • Disturbi neurologici cronici

Naturalmente ci sono delle restrizioni sull’utilizzo di cannabis medica: non si può fare uso di questo prodotto in luoghi pubblici o in luoghi in cui si può essere visti. Inoltre non si può condurre un mezzo dopo averla assunta ed è necessario stare a larga distanza da scuole e ospedali.

Non è tutto: chi usufruisce di marijuana medica non può richiederla in farmacia ma può richiederla a un terapeuta riconosciuto o un’azienda affiliata allo Stato, chiamata solitamente dispensario.

Leggi anche: Marijuana autofiorente: 5 tratti distintivi esclusivi per questa tipologia di pianta

Fase nº 2: legalizzazione della marijuana a uso ricreativo in Colorado

marijuana legale in Colorado uso ricreativo

Nel 2012, ovvero 12 anni dopo la legalizzazione della marijuana medica, è entrato in vigore l’emendamento 64. Questo emendamento permette alle persone di età uguale o superiore ai 21 anni di coltivare autonomamente fino a 6 piante di cannabis privatamente (solo la metà può essere in fase di maturazione).

La stanza adibita a coltivazione deve essere chiusa a chiave; inoltre è possibile possedere fino a un’oncia di fiori di cannabis e regalarne la stessa quantità ad altre persone (residenti anche loro in Colorado) di età uguale o superiore ai 21 anni.

Inoltre, a partire dal 2016, anche i visitatori del Colorado possono possedere fino a un’oncia di fiori di marijuana: un’ottima notizia per far fiorire ancor di più il turismo!

Naturalmente non è possibile guidare dopo aver assunto cannabis, ma è possibile consumarla in pubblico.

Come puoi ben immaginare, anche i consumatori di marijuana a uso ricreativo possono acquistarla solo ed esclusivamente presso dispensari autorizzati.

E i vantaggi a livello economico? Sappi che solo nel 2014, il primo anno di legalità, il commercio della marijuana legale in Colorado (compresa quella a uso medico) ha raggiunto l’enorme fatturato di 700 milioni di dollari.

Ma ci sono ulteriori novità estremamente recenti sulla legalizzazione della cannabis in tutti gli Stati Uniti.

Dalla cannabis legale in Colorado alla potenziale legalizzazione negli Stati Uniti federali

Nonostante in diversi Stati americani, tra cui il Colorado, la marijuana sia legale ad uso terapeutico e ricreativo, questo prodotto è rimasto proibito a livello federale. Ma, a metà novembre 2019, la commissione Giustizia della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha accettato una legge relativa alla legalizzazione della cannabis negli USA.

Si tratta di un progresso enorme per il continente che per primo aveva bandito ogni utilizzo della canapa! E soprattutto è la prima volta nella storia che il Congresso americano emette un voto pro-marijuana.

Nei prossimi mesi il testo della legge a favore della cannabis andrà in aula. Se dovessero approvarlo, finirà in Senato. Un’ultimo assenso e la marijuana verrà legalizzata non solo in Colorado, in Alaska e in altri singoli Stati, ma anche a livello federale!