La Cannabis si trova davvero nelle farmacie italiane?

Cannabis farmacia cannabis legale

Come funziona la distribuzione della cannabis in farmacia in Italia.


Sebbene la marijuana light sia industriale, dunque a utilizzo tecnico e non terapeutico, in Italia è possibile acquistare cannabis in farmacia (naturalmente per uso medico e non ricreativo).

Tutti coloro che possiedono una prescrizione redatta da qualsiasi medico – non solo specialista – possono reperirla in alcune farmacie galeniche italiane, ovvero farmacie pubbliche e private che preparano medicinali nel proprio laboratorio. È inoltre possibile reperire la cannabis in farmacia ospedaliera, ovvero in alcuni ospedali o AUSL.

Come forse hai immaginato da queste premesse, la marijuana terapeutica non viene venduta dalle farmacie sotto forma di infiorescenza, bensì direttamente sotto forma di medicinali preparati in laboratorio.

Cannabis farmacia ospedaliera

Chi può assumere la cannabis terapeutica?

Chiunque possieda una ricetta medica può recarsi in una delle farmacie galeniche della propria regione che preparino medicinali a base di cannabis e richiedere il farmaco indicato nella ricetta.

I farmaci a base di marijuana terapeutica sono disponibili a pagamento (sempre con prescrizione medica) per qualsiasi patologia per la quale esista un minimo di letteratura scientifica accreditata. Si possono inoltre richiedere gratuitamente, in quanto a carico del Sistema Sanitario Regionale, per le sole indicazioni terapeutiche che la Regione ha accreditato come riconosciute.

Ogni Regione italiana decide autonomamente per quali malattie i pazienti possano usufruire della distribuzione gratuita, ma in linea generale le patologie e i sintomi trattabili con cannabis (secondo il Decreto 9/11/2015 del Ministero della Salute) sono i seguenti:

  • Sclerosi multipla e lesioni del midollo spinale resistenti alle terapie convenzionali per placare i dolori legati agli spasmi muscolari.
  • Dolore cronico (in particolare neurogeno) nel caso in cui le cure con farmaci antinfiammatori non steroidei, cortisonici o oppioidi si siano rivelate inefficaci.
  • Nausea e vomito non trattabili con metodi tradizionali provocati da radio e chemioterapia e terapie per l’HIV.
  • Cachessia e anoressia nei pazienti oncologici, nelle persone affette da AIDS e nelle persone affette da anoressia nervosa per ottenere una stimolazione dell’appetito che non può essere provocata da trattamenti standard.
  • Glaucoma resistente alle classiche terapie.
  • Sindrome di Gilles de la Tourette al fine di ridurre i movimenti involontari che non possono essere placati con terapie classiche.

Devi sapere inoltre che i medicinali sono disponibili sotto diverse forme e possono essere realizzati con l’utilizzo di differenti varietà di marijuana terapeutica.

Leggi anche: Cannabis terapeutica: le ricette sono valide ma i farmacisti non possono accettarle

Tipologie di farmaci a base di cannabis terapeutica

Le farmacie galeniche possono realizzare, al 2020, medicinali a base dei seguenti tipi di marijuana:

  • FM2, con THC 5-8% e CBD 7,5-12%
  • FM1, con THC 13-20% e CBD <1%
  • Bedrocan, con THC 22% e CBD < 1%
  • Bediol, con THC 6% e CBD 8%
  • Bedica, con THC 14% e CBD < 1%
  • Bedrobinol, con THC 12% e CBD < 1%
  • Bedrolite, con THC < 0,4% e CBD 9%
  • Pedanios, con THC 22% e CBD < 1%

Le prime due varietà, FM2 e FM1, vengono prodotte in Italia esclusivamente nello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze. Le classiche aziende non possono coltivarla nella maniera più assoluta.

Dalla Bedrocan alla Bedrolite sono invece prodotte in Olanda e importate in Italia.

La cannabis Pedanios viene invece importata dal Canada.

Tutte queste varietà sono molto diverse dalla cannabis light, la quale contiene alte percentuali di CBD e quantità di THC inferiori allo 0,2%, tollerate fino allo 0,5%.

Dalle diverse varietà di cannabis terapeutica vengono realizzati farmaci galenici disponibili (in base alla farmacia) nelle seguenti forme:

  • Cartine per vaporizzazione o per decozione
  • Capsule decarbossilate per uso orale
  • Capsule di marijuana micronizzata a fini di decozione in tisana
  • Estratti:
    • glicerici/glicolici
    • per sigarette elettroniche
    • in CO2 supercritica
    • in olio di oliva di cannabis (Cannabis Olive Oil)
  • Tintura
  • Resine
  • Gel transdermico (PLO)
  • Crema
  • Collirio
  • Pillole al cacao
  • Chewingum

Questi sono le uniche modalità legali mediante le quali una farmacia può distribuire cannabis medica. Non può infatti fornire direttamente ai pazienti i barattoli contenenti tritati o infiorescenze di marijuana.

Cannabis farmacia Italia

Le farmacie possono rifiutarsi di fornire medicinali a base marijuana medica?

Premettiamo che non tutte le farmacie galeniche si occupino di realizzare medicinali a base di cannabis (puoi visitare il sito Farmagalenica.it per trovare quale farmacia della tua zona li prepara e li vende). Se però una farmacia distribuisce farmaci a base di marijuana, non può rifiutarsi di dispensarli a chiunque possieda una ricetta medica valida.

Che sia su foglio bianco o rosso, che indicano rispettivamente il pagamento da parte del paziente e quello a carico SSN, se la ricetta non presenta errori la farmacia non può negare il farmaco al paziente.

Naturalmente non ci si può recare in farmacia e richiedere un medicinale a base di Bedrocan se la prescrizione indica una terapia con FM1: il farmacista non può commettere un illecito fornendo un farmaco differente da quello indicato. In alternativa al nome della cannabis, il medico può scrivere la percentuale di THC e CBD della varietà, ma al fine di evitare fraintendimenti è preferibile indicare il nome della varietà di marijuana.

Il medico deve inoltre scrivere la forma farmaceutica (pillole, cartine, collirio etc.), il numero di dosi o la quantità in ml e il motivo della prescrizione. La posologia è per il momento obbligatoria solo in Lombardia, ma è comunque preferibile che il dottore la indichi nella ricetta.

Leggi anche: Cannabis sintetica: 3 motivi (super partes) per starne alla larga

In conclusione

Come hai potuto leggere, puoi ottenere la marijuana terapeutica non sotto forma di infiorescenze (come invece puoi ottenere la cannabis industriale, detta anche cannabis legale) bensì sotto forma di farmaci prescritti da qualsiasi medico.

Non tutte le farmacie realizzano questi medicinali e non tutte li producono sotto qualsiasi forma, quindi è preferibile informarsi precedentemente a riguardo.

È comunque assodato che, se sei in possesso di una regolare prescrizione, puoi acquistare legalmente dei farmaci a base di cannabis terapeutica o, in determinati casi, ottenerli in maniera gratuita. Ottenere farmaci a base di cannabis senza ricetta è assolutamente impossibile.