Come ottenere il permesso per coltivare canapa a uso medico?

come ottenere il permesso per coltivare cannabis a scopo medico | Justbob

Coltivare canapa per uso medico? Per l’Italia è ancora un no

Molti si chiedono se anche in Italia si possa coltivare la cannabis per scopo terapeutico e, se hai deciso di aprire questo articolo, significa che anche tu vorresti capire cosa fare per chiedere il permesso.

Tuttavia, devi sapere che nel nostro Paese questo non è consentito per una serie di ragioni.

Immagino ti stia domandando quali, giusto?

A tal proposito, in questo articolo abbiamo raccolto tutte le informazioni in merito alla coltivazione domestica, che ogni persona interessata dovrebbe sapere.

come ottenere il permesso per coltivare cannabis a scopo medico | Justbob

Coltivazione canapa a scopo terapeutico: questa la situazione in Italia

Seppur con precise limitazioni, in alcuni Paesi dell’UE è consentito coltivare la canapa per scopo medico anche in casa. Questo però non è il caso dell’Italia, in cui tale coltivazione è concessa esclusivamente allo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Quindi, se si decide di acquistare dei semi di cannabis da un venditore autorizzato è possibile conservarli all’interno della propria abitazione, purché questi non vengano coltivati.

Il motivo?

Semplice: non si può prevedere se il contenuto di THC sarà superiore a quello consentito dalla normativa vigente. Infatti, la legge 242 del 2016 prevede un ‘range di tollerabilità’ secondo il quale è consentita la coltivazione di marijuana ai soli coltivatori autorizzati, a patto che il livello di THC sia contenuto tra lo 0,2% e lo 0,6%.

Il THC, infatti, è lo psicotropo per eccellenza della cannabis ed è una sostanza che, se assunta in grandi quantità, è capace di indurre uno stato di dipendenza al livello psicologico e fisico.

Per questa ragione l’istituzione che ha sede a Firenze detiene un’autorizzazione speciale che le consente di produrre fiori ad alto contenuto di THC, utilizzati poi per realizzare farmaci a base di cannabinoidi e prescrivibili dal medico curante in determinate circostanze.

Queste infiorescenze, infatti, arrivano alle farmacie già triturate e vengono preparate all’interno di laboratori farmaceutici: in questo modo vengono sintetizzati i medicinali nel pieno rispetto del dosaggio prescritto dal medico per il proprio paziente.

A questo punto però potresti chiederti di quali pazienti stiamo parlando, giusto?

Vediamo di approfondire la questione.

Leggi anche: Coltivazione idroponica della cannabis: in cosa consiste?

Cannabis medica: questi i pazienti autorizzati ad assumerla in Italia

Il Ministero della Salute ha decretato che tutti i pazienti ai quali è stata diagnosticata una patologia particolare possono rivolgersi al proprio medico e richiedere la somministrazione di farmaci a base di cannabis medica. In particolar modo, questa manovra include i pazienti:

  • che soffrono di dolore cronico e/o neuropatico;
  • con HIV, SLA e sclerosi multipla;
  • affetti dalla Sindrome di Tourette;
  • affetti da un tumore (sia esso già guarito o ancora in corso):
  • che hanno riscontrato un’inefficacia nei farmaci tradizionali volti a sedare sintomi come vomito, nausea, dolore acuto.

Tuttavia, ogni regione del Bel Paese si assume la responsabilità di stabilire un limite sui casi in cui è consentito ricorrere all’uso di farmaci a base di cannabinoidi.

Cosa significa?

Vuol dire che sarà a discrezione del medico al quale si è rivolto il paziente (in questo caso può anche non trattarsi di medico curante) stabilire quale sia la terapia più indicata e se, eventualmente, prescrivere medicinali a base di cannabis.

A questo punto, il medico consegna la ricetta al paziente, il quale potrà recarsi in una farmacia autorizzata e ritirare il farmaco prescrittogli.

Ma quindi questo significa che non è mai consentito coltivare cannabis in Italia?

Ecco, non esattamente.

come ottenere il permesso per coltivare cannabis a scopo medico | Justbob

Coltivazione di cannabis personale: si può fare, ma a precise condizioni

Al momento non è consentito coltivare la canapa per scopo medico. Tuttavia, la legge autorizza la coltivazione di cannabis light, ossia povera di sostanze psicotrope.

Per evitare di incorrere in sanzioni e spiacevoli situazioni, è doveroso rispettare il limite di THC consentito dalla legge che, come abbiamo detto all’inizio di questo articolo, non deve superare lo 0,6%.

Ma non è tutto.

La legge prevede che il coltivatore debba conservare per dodici mesi il cartellino e la fattura dei prodotti acquistati e che debba dimostrare di coltivare per una delle seguenti motivazioni:

  • per la realizzazione di semilavorati (come polveri, oli, fibra, carburanti, ecc.) nel settore artigianale;
  • per scopi alimentari e cosmetici;
  • per la creazione di materiale destinato alla fitodepurazione per la bonifica dei territori;
  • per creare colture destinate al florovivaismo;
  • per fornire materiale utile per lavori edili o riguardanti la bioingegneria;
  • per ottenere materiale di ricerca per istituti pubblici e privati;
  • per permettere la pratica agronomica del sovescio.

Quindi, come avrai facilmente intuito, non vi è alcun punto che specifichi la possibilità di coltivare la canapa per scopo medico.

Come abbiamo detto, per ottenere farmaci a base di cannabinoidi, è necessario rivolgersi al proprio medico e valutare la terapia migliore.

Se invece desideri acquistare delle semenze, tieni presente che è possibile farlo solo per motivi di collezionismo o per scopi alimentari.

Leggi anche: È legale importare semi di cannabis da Amsterdam? Facciamo chiarezza

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto qual è la situazione in merito alla coltivazione personale di cannabis per scopo medico.

Se dunque sei alla ricerca di prodotti a base di cannabis di qualità, visita Justbob, l’e-commerce di punta del settore per la vendita di cannabis legale.

Ti aspettiamo su Justbob, a presto!