Cos’è la marijuana ibrida e come si può riconoscere questa varietà

marijuana ibrida

Marijuana ibrida: guida alla scoperta di questa varietà

Cosa si intende per marijuana ibrida?

Se hai deciso di aprire questo articolo significa che anche tu hai questa curiosità e vorresti saperne di più.

Con il proposito di fare maggiore chiarezza, in questa guida abbiamo raccolto tutte le informazioni salienti in merito alla cannabis ibrida, ai suoi usi e benefici e ai suoi possibili effetti collaterali.

marijuana ibrida

Che cos’è la marijuana ibrida e come viene prodotta

La cannabis ibrida contiene una combinazione di geni delle varietà sativa e indica.

La distinzione tra ceppi di indica pura e ceppi di sativa pura è per lo più priva di significato, perché è differenziata principalmente dal profilo terpenico e dal modello di crescita. Considera, infatti, che oggi la maggior parte delle piante di cannabis è ibrida.

Queste varietà sono solitamente definite:

  1. a dominanza sativa, che possono contenere terpeni più erbacei e dolci come il farnesene e il bergamotene;
  2. a dominanza indica, dove il mircene, terpene sedativo, è più dominante.

Il fatto che una pianta sia considerata ‘a dominanza indica’ o ‘a dominanza sativa’ dipende in larga misura dalla provenienza del lignaggio della specifica varietà, dalla sua morfologia e da questioni soggettive come il sapore e l’aroma della pianta.

Esistono centinaia di varietà ibride di marijuana, ognuna delle quali può offrire diversi benefici per la salute a seconda del loro lignaggio e della loro composizione chimica.

Ma come viene realizzata?

La cannabis ibrida viene creata incrociando una varietà con un’altra (nota come cultivar) e, più nello specifico, unendo piante maschili e femminili di ceppi diversi. Ad esempio, un coltivatore di cannabis può incrociare un maschio puro di indica con una femmina pura di sativa per produrre un ibrido 50/50. Durante il processo di riproduzione, la pianta maschio impollina la pianta femmina, producendo semi di entrambe le piante e, quindi, di entrambi i ceppi.

La progenie delle piante maschio e femmina incrociate mostrerà le qualità di entrambe, anche se a volte si possono ottenere fenotipi che assomigliano più a un genitore che all’altro.

Gli ibridi, infatti, partecipano spesso a programmi di selezione per ottenere le qualità più forti e desiderabili dalle piante madri.

Leggi anche: Si possono far germogliare i semi di cannabis? Facciamo chiarezza sulla legge italiana

Potenziali benefici per la salute e usi della marijuana ibrida

La cannabis ibrida offre gli stessi potenziali benefici per la salute e gli stessi usi della cannabis pura e autoctona che non è stata incrociata con un’altra varietà.

Ma diamo comunque un’occhiata ai suoi principali impieghi.

Diminuzione di ansia e depressione

Anche se questo non vale per tutti, alcune persone possono essere in grado di ridurre i malesseri di depressione e ansia da lievi a moderati con la cannabis.

In particolare, il cannabidiolo (CBD) ha dimostrato di poter aiutare a gestire diversi disturbi, come ad esempio:

  • ansia;
  • panico;
  • ansia sociale;
  • disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Ma dato che la cannabis non ha gli stessi effetti per tutti, è importante rivolgersi sempre al proprio medico curante, così da capire quale possa essere la soluzione migliore e scartare l’ipotesi di qualche interazione tra cannabis e farmaci.

Miglioramento della qualità del sonno

Alcune varietà ibride di cannabis possono aiutare a combattere l’insonnia. Come per la depressione e l’ansia, il cannabinoide CBD è particolarmente benefico per le persone che cercano di dormire meglio.

Alleviamento del dolore cronico

Il sollievo dal dolore è uno dei motivi più comuni per cui le persone utilizzano la marijuana terapeutica (sempre sotto stretta supervisione del medico).

È stato dimostrato che la cannabis aiuta ad alleviare molti tipi di dolore, tra cui quello muscolare, articolare e neuropatico.

Inoltre, le persone affette da cancro e sottoposte a chemioterapia possono avvertire forti dolori nervosi che la cannabis potrebbe limitare. Il dolore neuropatico è uno dei più difficili da trattare, il che rende una medicina a base di piante come la cannabis ancora più importante.

Riduzione delle infiammazioni

L’infiammazione è una delle principali cause di malattia, comprese le condizioni autoimmuni debilitanti come il morbo di Crohn e molti tipi di cancro.

Alcuni studi hanno scoperto che la cannabis potrebbe contribuire alla riduzione dei tumori e a debellare le cellule tumorali. Ad ogni modo, saranno ovviamente necessari ulteriori approfondimenti per confermare questa tesi.

coltivazione di marijuana ibrida

Cannabis ibrida: ci sono effetti collaterali?

Gli effetti collaterali della cannabis sono generalmente lievi e transitori.

Le varietà ibride di cannabis comportano gli stessi possibili rischi della Cannabis sativa o della Cannabis indica pura; ma vediamo nello specifico quali potrebbero essere:

  • occhi rossi;
  • bocca secca;
  • paranoia o allucinazioni;
  • mal di testa;
  • nausea;
  • stordimento;
  • stanchezza.

Questi effetti collaterali possono essere più probabili se si è alle prime armi con la cannabis o nel caso in cui se ne fosse consumata troppa in poco tempo. Ecco perché, lo ribadiamo, è fondamentale seguire il preciso dosaggio prescritto dal medico.

Leggi anche: Perché non è (mai) una buona idea fumare i semi di canapa

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto cosa si intende per marijuana ibrida e come questa viene realizzata. Inoltre, abbiamo dato uno sguardo generale ai principali benefici di questa varietà e ai suoi possibili effetti collaterali.

Se dunque sei alla ricerca di prodotti di qualità, visita Justbob, il CBD shop che offre un’ampia gamma di prodotti di qualità come hashish legale, marijuana light e olio di CBD.

Ti aspettiamo su Justbob, a presto!