Marijuana viola (purple marijuana): ecco tutte le varietà

marijuana viola

Scopri tutte le varietà della marijuana viola e quali sono gli effetti della purple marijuana light.


Nella regione dell’Hindu Kush, tra Afghanistan e Pakistan, cresce libero un grande quantitativo di marijuana selvatica di montagna: la stessa Cannabis light che troviamo legalmente anche nelle nostre città, quando è controllata e possiede un basso quantitativo di THC.

La Cannabis sta sviluppando sempre più interesse, guadagnando estimatori, consumatori e semplici curiosi ogni giorno di più.

Nel tentativo di conoscere ogni possibile varietà di questa pianta dalle proprietà straordinaria, molti si interrogano sui suoi aspetti più particolari, più ricercati, come la Marijuana viola, o Purple Marijuana.

Sì, la stessa a cui un tale Jimi Hendrix finì col dedicare il titolo di un suo famoso pezzo.

Ma di cosa stiamo parlando precisamente? Qual è la differenza tra la Purple e la Cannabis normale?

Cos’è la marijuana viola?

marijuana viola purple marijuana

Quando ci interessiamo a qualcosa di diverso dal solito, subito possiamo incappare nelle classiche leggende metropolitane.

Sul come trovare ciò che cerchiamo, sul come coltivarlo. Metodi disparati e spesso dalla validità non facilmente comprovabile, se non del tutto vani.

Per ottenere una varietà di cannabis viola bisogna innanzitutto selezionare il tipo di pianta con una genetica più propensa alle caratteristiche che cerchiamo.

Si possono poi utilizzare alcuni metodi e trucchi per stimolarne la qualità intrinseca della pianta attraverso l’esperienza nell’ambito della coltura, ma è solo la genetica di quest’ultima a donargli la tonalità viola che la rende tanto unica.

Il primo passo da eseguire, quindi, per ottenere una cannabis viola è quello di scegliere la pianta giusta.

Tra i tipi di cannabis con una spiccata tendenza genetica alla marijuana viola ricordiamo, ovviamente, la Purple Haze, il Blue Cheese o il Haze Berry. 

Come coltivare la marijuana viola

Compiuta la scelta della tipologia di pianta, bisogna venire a conoscenza di quali sono i parametri di cui tenere conto per aumentare le caratteristiche cromatiche tipiche della purple.

Sono le temperature a giocare un ruolo decisivo, influenzando le sfumature espresse. Se alcuni tipi di piante mostrano la loro essenza purple a prescindere, altre hanno bisogno di determinate termiche per mostrarsi.

In alcuni casi, anche la differenza tra temperatura diurne e notturna fa la differenza.

Ci vogliono tra le 8 e le 10 settimane circa per raccogliere i frutti del nostro lavoro di coltivazione, sia che essa sia di nato indoor o outdoor, ma è dove il clima è particolarmente temperato o caldo che assistiamo ad un aumento della qualità della Purple.

L’obiettivo quindi, è quello di sottoporre le colture a cambi di temperatura a seconda dell’ora del giorno: più calde al mattino, più fredde di notte; si tratta di una strategia vincente per stimolare la variazione cromatica della pianta.

Sono le luci a svolgere un ruolo chiave nel processo di fotosintesi, solo grazie ad essere le piante producono l’energia di cui hanno bisogno per il loro sviluppo.

Una fonte di luce intensa, potente e diretta sembrerebbe stimolare la colorazione viola di cui stiamo parliamo.

Un altro motivo per cui le cime delle vostre piante possono assumere la peculiare colorazione viole è dovuto agli antociani, una classe di pigmenti idrosolubili, circa 400, che possono essere di diversi colori, a seconda del pH.

In caso di pH quasi neutro, le varietà di cannabis contenenti questi pigmenti tendono a mostrare sfumature viola in cima.

Questi pigmenti non si mostrano fino alle ultime settimane di vita della pianta, particolarità dovuta al minore afflusso di clorofilla nelle parti vegetali.

Quando alle piante mancano solo due settimane per completare la fase di fioritura, si deve cambiare la temperatura della stanza di coltivazione, in modo da mantenerla al di sotto dei 10°C, ma al di sopra dei 4°C.

La maggior parte delle varietà necessitano temperature fredde per poter esprimere al meglio il potenziale cromatico.

Si tratta di una caratteristica ancora poco chiara, ma esiste una connessione che ne spiega in gran parte il processo.

Sebbene quasi tutte le varietà di marijuana siano in grado di sopportare condizioni ambientali fredde, bisogna cercare di non abbassare la temperatura improvvisamente, ma gradualmente, in modo da non stressare la pianta.

Si precisa che in Italia è possibile coltivare solo la canapa sativa L (ad alto CBD), mentre la vendita dei semi di marijuana ad alto THC è permessa solo a scopo collezionistico ma non si può coltivare e mandare in fioritura.

Conosci la cannabis sintetica? Scopri perché evitarla leggendo il seguente articolo: “Allarme marijuana sintetica, una droga decisamente pericolosa“.

Quali sono gli effetti della Purple Cannabis Light?

Dal sapore molto intenso, la Purple light sembra mostrare gli stessi tipici effetti sul corpo e sulla psiche dei consumatori della cannabis light.

Un senso di euforia, di leggerezza, il quale può essere di grande aiuto ad attutire lo stress quotidiano o diverse patologie non invasive come cefalee, attacchi di panico o stati depressivi.

Inoltre anche nella Purple troviamo una forte proprietà antiemetica, che non sono sconfigge la nausea, ma aiuta a sviluppare il senso dell’appetito.

Molto consigliato l’uso della Purple nelle ore notturne, per chi, per diversi motivi, soffre di disturbi del sonno o un vero e proprio stato di insonnia continuativo.

La Purple rilassa, distende i nervi e regala al suo consumatore un grande aiuto nel ritrovare finalmente un sonno tranquillo e regolare.