Olio di CBD e gastrite: ci sono dei benefici per chi soffre di infiammazione allo stomaco?

Olio di CBD e gastrite

Olio di CBD: può davvero alleviare l’infiammazione della gastrite?

L’olio CBD può davvero trattare la gastrite?

Se hai già fatto qualche ricerca, probabilmente ne avrai sentito di ogni genere: chi ritiene che questa sostanza sia efficace anche contro lo scioglimento dei ghiacciai, chi ritiene invece che non abbia alcun beneficio…

Dunque, come stanno davvero le cose?

Con l’obiettivo di fare chiarezza in merito, in questo articolo abbiamo raccolto tutte le informazioni sui potenziali benefici dell’olio di CBD contro la gastrite.

ragazza che soffre di gastrite mette le mani sullo stomaco

Gastrite: sintomi e possibili soluzioni per questa infiammazione

Se hai deciso di leggere questo articolo, sicuramente saprai già come si manifesta la gastrite.

Se però non hai le idee molto chiare, lo riassumiamo in due righe.

La gastrite si verifica quando il rivestimento dello stomaco diventa gonfio o infiammato, e può essere acuta o cronica: nel primo caso, la patologia tende a scomparire dopo poco tempo, nel secondo caso il gonfiore si può ripresentare più volte.

Il sintomo principale della gastrite, l’infiammazione, causa poi altri sintomi secondari.

Ecco i più comuni:

  • dolore generale;
  • mal di stomaco;
  • indigestione;
  • perdita di appetito;
  • bruciore di stomaco;
  • vomito;
  • feci scure;
  • singhiozzo.

Infine, lo stress della gastrite cronica aumenta la possibilità di sviluppare sintomi legati alla salute mentale.

Se non trattata, la gastrite cronica può portare a gravi complicazioni: per esempio, può dare un senso di sazietà al corpo prima del tempo o, nei casi peggiori, aumentare il rischio di cancro allo stomaco.

Per concludere, esiste anche una forma di gastrite chiamata ‘gastrite erosiva‘, capace di consumare il rivestimento dello stomaco. Come immaginerai, questo potrebbe provocare danni molto seri, come ulcere ed erosioni dolorose.

Per tale motivo, bisognerà sempre affidarsi al proprio medico curante, che saprà gestire la situazione al meglio.

Ma veniamo al dunque: l’olio di CBD può davvero aiutare a curare la gastrite?

Per rispondere a questa domanda occorre fare una premessa e introdurre il sistema endocannabinoide.

Leggi anche: Canapa e proprietà cosmetiche: la cannabis può essere un alleato per la cura del corpo?

Gastrite e sistema endocannabinoide: il ruolo essenziale dell’anandamide

Ognuno di noi possiede un sistema endocannabinoide, il quale ha la funzione di utilizzare e creare, per l’appunto, i cannabinoidi, sostanze presenti sia nella marijuana che nel corpo, e che regolano le funzioni quotidiane.

Il sistema endocannabinoide comprende:

  1. gli endocannabinoidi;
  2. i cannabinoidi prodotti dal corpo;
  3. i recettori CB1 e CB2.

Questi ultimi si legano ai cannabinoidi e inviano segnali ai tessuti e ai nervi collegati.

Per collegarci all’argomento centrale di questo articolo, molte delle funzioni regolate dal sistema endocannabinoide sono collegate allo stomaco e alla gastrite.

Cioè?

In parole semplici, se si assume un prodotto a base di cannabis quando si soffre di gastrite, i recettori utilizzano i cannabinoidi per inviare dei benefici al sistema digestivo.

Infatti, quando lo stomaco è irritato, le cellule immunitarie del rivestimento scatenano l’infiammazione, e qui entrano in gioco i recettori dei cannabinoidi, i quali rilasciano l’anandamide.

Aspetta, l’ananda cosa? 🧐

L’anandamide è un endocannabinoide creato dal corpo che influenza i sistemi fisiologici  – come il dolore – e monitora la risposta dell’organismo al danno tissutale.

Quindi, aumentando l’anandamide nel corpo, è possibile regolare il dolore e l’infiammazione.

Il che ci porta alla questione centrale: il ruolo del CBD nel trattamento della gastrite.

CBD e gastrite

Trattamento dei sintomi della gastrite con il CBD

Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide in maniera unica rispetto ad altri cannabinoidi.

Mentre la maggior parte di questi si ‘attacca’ ai recettori, il CBD migliora la capacità sistema endocannabinoide di fare il suo lavoro, potenziando le funzioni dell’organismo.

Ricordi l’anandamide di cui abbiamo parlato poco fa?

Ecco, il CBD migliora la capacità dei tessuti di trattenere questo endocannabinoide, il che aiuta a controllare il dolore e l’infiammazione.

In particolare, il CBD è in grado di bloccare il FAAH, un acido grasso che scompone l’anandamide; riducendone gli effetti, l’organismo può dunque trattenere quantità maggiori di anandamide e lasciarla agire più a lungo.

Di conseguenza, meno infiammazione uguale minore sensazione di dolore.

Ma c’è di più.

Il CBD può essere utilizzato anche per controllare la nausea causata dalla gastrite.

Alcuni cannabinoidi sembrano ridurre il senso di nausea, anche se non è ancora comprovato il modo esatto in cui agiscono. Sappiamo però che il THC ha un ruolo significativo in questo.

In caso di sintomi emotivi come depressione o ansia, l’aumento dei livelli di anandamide può migliorare l’umore.

Esatto, l’umore.

Questo perché alcuni pazienti affetti da gastrite cronica sviluppano disturbi dell’umore a causa dello stress associato alla patologia.

L’anandamide promuove quindi sentimenti di rilassamento e felicità per trattare questi sintomi, rivelandosi particolarmente efficace.

Leggi anche: Perché la cannabis (probabilmente) non sarà più considerata doping per chi fa sport

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto il potenziale ruolo benefico dell’olio di CBD per trattare la gastrite.

Come avrai letto, il CBD interagisce in modo particolare con il nostro sistema endocannabinoide e, grazie alla sua azione, permette all’anandamide (endocannabinoide prodotto dal corpo) di agire più a lungo e ridurre l’infiammazione e il dolore.

Se dunque stai pensando di acquistare l’olio di CBD, ricordati sempre di rivolgerti al tuo medico curante e di scegliere solo prodotti di qualità.

In questo, noi abbiamo la soluzione: il nostro CBD shop offre tantissimi prodotti a base di canapa light affidabili, sicuri e, soprattutto, nel pieno rispetto della normativa italiana.

Per saperne di più, visita il nostro sito, Justbob!

A presto!