5 dritte – salva vita – per riconoscere la marijuana femmina.

come riconoscere marijuana femmina

Come riconoscere la marijuana femmina.


Se coltivi cannabis light e non utilizzi semi femminizzati, è indispensabile che tu sappia come riconoscere la marijuana femmina e distinguerla dalla pianta di genere maschile. Se infatti i semi femminizzati (o femminilizzati) sono modificati geneticamente affinché si ottengano al 99,9% piante di genere femminile, le piante di cannabis nate da semenze regolari hanno il 50% di possibilità di sviluppare piante di genere maschile o femminile.

Fare una distinzione tra i due generi è molto importante in quanto le piante femminili generano i fiori di marijuana ricchi di cannabinoidi (soprattutto CBD, nel caso della cannabis legale). Le piante maschili invece presentano non fiori bensì sacche di polline.

Possono quindi fecondare i germogli delle piante di genere femminile, le quali produrranno semi e non infiorescenze. Se quindi il tuo obiettivo è quello di produrre fiori di cannabis light allora dovresti lasciare esclusivamente le piante femminili ed estirpare quelle maschili.

Vuoi sapere nei dettagli come riconoscere la pianta femmina di marijuana? Ecco a te 5 dritte da tenere bene in mente quando osservi la tua piantagione.

pianta canapa maschio o femmina

1) Analizza le tue piantine di cannabis ogni settimana, in modo da carpirne ogni cambiamento.

Se ti stai chiedendo come riconoscere un seme maschio o femmina ti rispondiamo subito: non è possibile. Infatti sono tutti identici, e non è possibile femminilizzare i semi dopo la loro nascita; a meno che non acquisti semenze nate da una pianta femminilizzata le possibilità sono sempre al 50/50.

Di solito le caratteristiche sessuali di una pianta di marijuana iniziano a intravedersi dopo la sesta settimana dalla germinazione. Il nostro consiglio però è quello di osservare le piantine in ogni stadio del loro sviluppo, preferibilmente ogni settimana o anche più di frequente. Alcuni metodi di coltura potrebbero infatti anticipare o ritardare il manifestarsi di queste peculiarità.

Leggi anche: Come coltivare cannabis in casa senza infrangere la legge attuale

2) Pianta di canapa: maschio o femmina? Osserva i punti di intersezione tra il fusto e le foglie.

Il punto di intersezione tra il fusto di una pianta e una foglia (o il rametto che poi genera la foglia) è chiamato ascella. In queste zone le piante di cannabis femmina producono dei pistilli, dai quali nascono i primi pelucchi bianchi.

Nelle piante di genere maschile non trovi questi piccoli peli bianchi; osservando le ascelle presenti nel fusto è possibile vedere delle piccole palline raggruppate e appese a un filo. Quelle palline sono, nello specifico, delle sacche di polline (stami): una volta mature si schiudono e possono impollinare le piante femminili pronte per la fecondazione.

Quando vedi questi raggruppamenti di palline puoi star sicuro di non avere di fronte una pianta di marijuana femmina bensì un maschio. Se vuoi evitare che impollini le altre piante puoi estirparla senza indugio.

3) Canapa maschio e femmina: la differenza del fogliame.

Nella pianta di canapa maschio legale (ma anche in quella ad alto contenuto di THC) le foglie sono rade, mentre la pianta di canapa legale femmina presenta un fitto fogliame.

canapa maschio e femmina differenza delle foglie

La pianta di genere femminile risulta quindi ricca di foglie, le quali si concentrano soprattutto nella parte apicale del fusto. Se hai notato anche i pistilli con dei pelucchi bianchi, allora non c’è dubbio: hai al tuo cospetto una pianta di marijuana femmina.

Se invece le foglie sono rade e nelle ascelle della pianta trovi dei gruppi di palline, allora (se vuoi evitare l’impollinazione) puoi eliminare la piantina.

4) Come riconoscere la marijuana femmina dal fusto della pianta.

Anche la tipologia di fusto della pianta di cannabis può fornirti importanti informazioni sul suo genere. Le piante femminili presentano infatti uno stelo più basso e meno robusto di quelle maschili.

Le piante di marijuana di genere maschile crescono molto in altezza, in maniera decisamente maggiore rispetto a quelle di genere femminile, quindi hanno bisogno anche di uno stelo più robusto. Altrimenti, poverette, non potrebbero sorreggersi.

Ma tanto, una volta individuate, arriverà la tua manina a estirparle! Giusto?

Leggi anche: Quanto costa la marijuana?

5) Attenzione anche a distinguere le piante di cannabis femmina da quelle ermafrodite.

Le piante di cannabis possono essere maschili, femminili, ma anche ermafrodite.

Una pianta ermafrodita presenta caratteristiche sessuali allo stesso tempo maschili e femminili, e potrebbe rovinare il tuo raccolto di fiori di marijuana legale allo stesso modo di una pianta maschile. Se quindi noti che alcune delle tue piante presentano sia sacche di polline che pistilli con pelucchi bianchi, sappi che potrebbero essere ermafroditi.

Di conseguenza è necessario eliminarle il più presto possibile, prima che le sacche giungano a maturazione fecondando i germogli delle femmine.

Riepilogo: tutte le caratteristiche di una pianta di marijuana femmina

Ecco per te uno specchietto delle caratteristiche di una pianta di cannabis femminile, in modo che tu possa distinguerla da una pianta di genere maschile e anche da una pianta ermafrodita:

  • Pistilli con pelucchi bianchi traslucidi tra le ascelle della pianta.
  • Stelo poco robusto e non troppo alto.
  • Fitto fogliame, concentrato specialmente nella parte apicale dello stelo.

La pianta di genere femminile (se non viene fecondata) arriva alla fase di fioritura, sviluppando numerose infiorescenze a partire dai pistilli. I fiori, più grandi nelle cime apicali, sono composti da migliaia di piccole foglioline e da una resina appiccicosa ricca di cannabinoidi.

Se invece le piante femmine vengono fecondate dal polline di quelle maschili, allora sviluppano dei semi, i quali non sono solitamente l’obiettivo del coltivatore.