Marijuana con thc più alto: queste le 3 varietà più note

Marijuana con thc più alto: queste le 3 varietà più note

Tanti fattori influiscono sulla produzione di marijuana con thc più alto della media. Andiamo a scoprire quali sono le varietà. 

È difficile stabilire quale sia il ceppo di marijuana con thc più alto in assoluto perché, riguardo ai ceppi, non esiste una scienza esatta. Continuamente arrivano sul mercato nuove varietà che differiscono per tanti motivi una dall’altra.

Comunque molto spesso le persone si chiedono quali sono i ceppi più potenti, ma sappiamo che questo dipende da una vasta serie di elementi, per esempio: come è avvenuta la coltivazione di una determinata qualità genetica?

Per quanto riguarda il THC, questo è il motore fondamentale della potenza della cannabis.

Poi, andando per gradi, un ruolo molto importante lo svolgono anche i terpeni che costituiscono un elemento essenziale per definire la qualità e in più, modellano la potenzialità “dell’euforia” data dalla marijuana.

Tra i terpeni, il mircene, il limonene ed il cariofillene sono i composti aromatici che conferiscono all’erba un assortimento specifico di odori. Così un tipo di hashish, proveniente da un ceppo ricco tanto di terpeni quanto di THC, può offrire un’esperienza ammaliante rispetto a quei prodotti che mancano di una chimica eterogenea.

In Italia non è permesso dalla legge consumare prodotti che abbiano un livello di thc maggiore dello 0,2% ma attualmente la vendita dell’erba legale presente nei cannabis light shop, permette di avvicinarsi al mondo della canapa sativa e dei vari prodotti derivati, in maniera differente. 

busta di marijuana

Le varietà di marijuana con thc più alto e la loro storia

Nella nostra epoca si scoprono continuamente combinazioni che danno vita a tipi di marijuana con thc più alto, si potrebbe dire che quasi ogni giorno nasce una varietà più forte.

Quindi, misurando la potenza dei ceppi in base al loro contenuto di THC, possiamo dire che col passare del tempo la cannabis sta inevitabilmente diventando sempre più potente.

Anche la produzione di sempre nuovi ceppi ha contribuito ad una maggiore forza della pianta, pure perchè i breeders hanno continuato a preferire i ceppi delle piante con maggiore contenuto di cannabinoidi.

Dunque, oggi, la selezione delle piante più forti riguarda gli incroci di ibridi provenienti da ceppi molto conosciuti.

Nel periodo “fatale” degli anni ’60 e ’70, non era facile trovare marijuana che avesse un livello di THC maggiore del 10%. A quel tempo il contenuto medio era dello 0,72%, per arrivare negli anni 2000 al 6 o 7%.

Adesso, invece, un numero sostanziale di ceppi arriva a possedere oltre il 20% di thc.

Leggi anche: Erba senza thc: esiste davvero a % THC ZERO?

Le varietà che presentiamo qui, sono tra quelle rinomate in quanto i livelli di thc si aggirano intorno al 25 e 30%.

Stiamo parlando di:

  • Gorilla glue
  • Sig Sour XXL Auto
  • Godzilla Glue

La cannabis che viene prodotta da un ceppo di marijuana che possiede alti livelli di thc, in genere, da luogo ad effetti psicotropi molto veloci. Anche in questo la cannabis dei nostri tempi si rivela differente da quella delle vecchie generazioni.

I coltivatori moderni potano le piante in un certo modo, eliminano le foglie piene d’acqua e soprattutto sono attenti alla produzione delle “sinsemilla”, cime che contengono la maggiore quantità di thc presente.

Gli studi e i miscugli dei vari ceppi potenti, il modo in cui queste varietà vengono coltivate, la messa in atto di tecniche avanzate: tutto ciò ha prodotto marijuana sempre più potente e di una qualità sempre migliore.

Ricordiamo che nel nostro shop qui su JustBob.it, potete trovare varietà di erba legale ad alto concentrato di CBD e livelli di thc nella norma. Sono presenti anche le speciali varietà di cannabis sopra citate.

grafico e diagrammi

La marijuana con thc più alto e la marijuana legale

Una questione molto attuale è quella che riguarda, non tanto i livelli del thc quanto invece il contenuto di cbd. Questi sono due dei composti più conosciuti della cannabis e sul tema dei loro livelli sono state messe in atto le battaglie più importanti degli ultimi tempi.

Sappiamo che il thc è il composto responsabile degli effetti psicotropi della marijuana e abbiamo sottolineato che quando le persone parlano di un particolare ceppo definendolo molto forte, sicuramente si riferiscono a ceppi che hanno un alto livello di thc.

Il cbd, detto anche cannabidiolo, risulta essere il secondo cannabinoide più comune contenuto nella cannabis. Se invece parliamo di canapa legale e di prodotti come l’olio cbd, ci stiamo riferendo a prodotti in cui il cbd è preponderante e al primo posto per quantità presenti.

Leggi anche: Perché comprare marijuana online è ancora possibile nel 2020

A differenza del tetraidrocannabinolo, il cbd gioca un ruolo diverso: per questo è possibile acquistare cbd online e hashish legale.

Sotto prescrizione medica, grazie ad una serie numerosa di studi e ricerche è oggi possibile accedere a prodotti utili per una varietà di usi terapeutici. Si tratta di prodotti che potenzialmente offrono effetti rilassanti e non sono in alcun modo tossici.

Il cbd non presenta effetti collaterali e sicuramente non dà luogo agli effetti caratteristici della marijuana con thc.

Infatti viene utilizzato per il trattamento di dolori (anche cronici), nausea, mal di testa, stress, ansia, spasmi muscolari e addirittura per l’epilessia.