Le 5 curiose tappe della storia dell’hashish

storia dell'hashish

Alla scoperta delle origini e della storia dell’hashish: ecco quando è nato questo prodotto e com’è arrivato a diffondersi in tutto il mondo

La storia più antica dell’hashish è tutt’ora avvolta da un velo di mistero.

Le testimonianze che riguardano la nascita di questo prodotto sono incerte, tanti manoscritti che ne parlavano sono andati persi e molte altre prove sono state interpretate dagli storici in maniera discordante.

Nonostante ciò, c’è una notizia sulla quale la maggior parte degli studiosi della storia pare essere d’accordo: l’hashish è apparso per la prima volta in Arabia attorno al X secolo (anche se, non è ben chiaro se sia stato un’invenzione della gente del posto o il frutto di influenze esterne).

E poi? Dopo la sua invenzione cosa è successo?

Lo scopriremo nei prossimi paragrafi.

Ecco la storia dell’hashish in 5 tappe.

deserto arabia

1) L’Arabia e lo sceicco che amava l’hashish

Oggi un po’ tutti, almeno una volta nella vita abbiamo sentito parlare di hashish legale, hashish burbuka, charas e pakistano… Ma, è tutto frutto della diffusione globale di questo prodotto che, nel tempo, ha assunto tante differenti conformazioni e caratteristiche.

In passato, invece, c’erano intere nazioni che non erano al corrente nemmeno dell’esistenza dell’hashish.

Ma, nel corso dei secoli, come sono andate le cose?

Abbiamo già accennato che le prime prove dell’utilizzo dell’hashish sono state trovate in Arabia, ed è proprio qui che regnava uno sceicco che ha avuto un importante ruolo nella diffusione di questo prodotto.

Si tratta dello sceicco Haidar che, apprezzando le sue proprietà, spinse anche i suoi sudditi e i suoi seguaci a farne uso, in modo del tutto legale.

È proprio grazie alla sua approvazione e alla sua influenza (che risale al periodo tra il 1155 e il 1221) che l’hahsish iniziò a diffondersi anche nelle località limitrofe, come l’Iraq e l’Egitto.

Leggi anche: Biomassa di canapa: significato del termine e usi

2) Con Genghis Khan l’hashish raggiunge nuovi continenti

Se quello di Haidar fu un grosso contributo alla diffusione dell’hashish, lo fu ancora di più quello di Genghis Khan che, grazie alla sua avanzata con le truppe mongole per la conquista di nuovi territori, riuscì a diffondere l’uso dell’hashish anche in Russia e in Asia Centrale.

Il successo di questo prodotto negli altri continenti, diede vita a una florida rete di commercio che, a sua volta, favorì la diffusione dell’hashish anche in Europa.

Nonostante alla diffusione di questo derivato della marijuana si siano opposte varie personalità, tra le quali Marco Polo, la compravendita dell’hashish non si arrestò. Anzi, in piena rivoluzione industriale, il commercio dell’hashish crebbe ancora di più, in concomitanza con la maggior produzione e distribuzione del tabacco.

Insomma, l’era del colonialismo e la rivoluzione industriale innescarono una rete di scambi tra le diverse culture mondiali, che non fecero altro che incrementare il suo successo!

3) Napoleone e i circoli intellettuali: l’Europa del 1800 si divide

Dalle avanzate dell’esercito mongolo in poi, tra alti e bassi, la diffusione dell’hashish proseguì, al punto che questo derivato della canapa divenne un prodotto legale e liberamente utilizzabile.

Tuttavia, nel 1800 qualcosa cambiò per mano di Napoleone Bonaparte.

Quando nel 1798 guidò le sue truppe alla conquista dell’Egitto, i suoi soldati, non trovando alcolici per alleviare la tensione dei combattimenti, iniziarono ad assumere hashish.

Questo prodotto fu talmente apprezzato dai soldati francesi che, al loro ritorno, importarono la pratica di consumare hashish anche negli altri ranghi della società francese ed europea.

Ma a Napoleone non andava giù il fatto che i suoi seguaci facessero uso di una droga importata da un popolo da lui considerato ‘inferiore’, perciò, nel 1800 vietò il suo utilizzo sia all’esercito francese, sia al popolo egiziano.

In opposizione alle idee di Napoleone, però, c’era chi l’hashish lo amava, e non poco.

È così che nacque ‘Le club des Haschischins’ ( il ‘club dei mangiatori di hashish’), un circolo di personaggi molto in vista, tra i quali spiccavano Victor Hugo e Jacques-Joseph Moreau, l’ultimo autore del libro libro intitolato “Hashish e alienazione mentale”, un’opera unica nel suo genere, che non tardò a diffondersi.

soldati sotto effetto di hashish

4) 1900: inizia l’epoca del proibizionismo

Nonostante la manifesta opposizione di Napoleone e di tante altre figure illustri, il mercato dell’hashish e della canapa sativa non si fermò e, anzi, nel 1894 raggiunse il suo picco massimo.

Successivamente, però, le cose andarono diversamente e iniziò una drastica discesa.

L’avanzamento dell’industria farmaceutica e la diffusione delle notizie sui rischi di assumere droghe a base di cannabis fecero sì che l’uso dell’hashish venisse stroncato e demonizzato in tanti modi.

Un po’ in tutto il mondo si inasprirono sia le leggi riguardo alla coltivazione della cannabis, sia quelle legate alla produzione dei suoi derivati. Si vietò il loro consumo, fino ad arrivare alla situazione dei giorni nostri.

Insomma, il periodo d’oro dell’hashish si può considerare concluso.

Leggi anche: Canapa sativa decorticata: cos’è e a cosa serve

5) L’hashish ai giorni nostri: è nato quello legale

Nonostante le severissime leggi sulla compravendita della cannabis e dei suoi derivati, sappiamo bene che il commercio illegale di questi prodotti non si è mai arrestato.

Tuttavia, dopo anni e anni di lotte, il mondo della canapa sta trovando un rinnovato successo.

Come?

Grazie all’ideazione di nuove specie di canapa legale e di hashish privo di THC: l’hashish al CBD.

Dalle piante di queste nuove specie vegetali (a bassissimo contenuto di THC) si producono tanti derivati privi di effetti psicotropi, come i cristalli di CBD. Cristalli che, poi, vengono impiegati per la realizzazione dell’hashish legale.

Oggi anche in Italia è possibile acquistare hashish light; tuttavia, riguardo al suo consumo le leggi sono ancora poco chiare.

Per questo motivo, noi di Justbob proponiamo questo prodotto esclusivamente a scopo collezionistico.

Se ti piacerebbe esplorare il mondo dell’hashish legale o ordinare qualche pezzo di questo innovativo prodotto, visita oggi stesso il nostro cannabis light shop.

Nel nostro negozio potrai trovare tante proposte di hashish online, tutte da collezionare.

Ti aspettiamo su Justbob.it!